Primarie. Anche i Verdi sono in gara

Casarano. Rotto il patto con Cdc, il movimento è di nuovo nel “suo” centrosinistra e potrebbe riproporre Marcello Torsello

CASARANO – Se si dovessero svolgere le primarie della coalizione di centrosinistra potrebbero partecipare anche i Verdi con un proprio candidato. Il movimento ambientalista, rotto il patto con il “Centro Democratico Cristiano” di Claudio Casciaro che ha siglato l’accordo con il Pdl e il centrodestra, è ormai rientrato nella sua area politica “naturale” e spera che si svolgano le primarie per verificare la sua consistenza elettorale. E’ probabile che i Verdi ripropongano Marcello Torsello, assessore ai Lavori Pubblici uscente, personaggio di punta del movimento visto che riveste anche il ruolo di responsabile provinciale. Torsello, in un’eventuale gara per la selezione del candidato sindaco, affronterebbe Franco De Matteis (Sel) e Gabriele Caputo (Pd) salvo altri. Ma sulle primarie il centrosinistra casaranese sembra prendere tempo in attesa che a Lecce si definiscano candidature ed alleanze. Intanto, anche Fernando Rizzello, candidato alla carica di sindaco della coalizione formata da “Io Amo l’Italia” e “Area Nuova”, ha attivato una pagina dedicata su Facebook denominata “L’alternativa, finalmente, con Fernando Rizzello Sindaco”. Anche qui i suoi sostenitori suggeriscono soluzioni ai tanti problemi della città. Frattanto, continua la redazione del programma politico della coalizione moderata. Dopo il capitolo sulla riduzione dei costi della politica, una nota di Ali-An ha anticipato ieri un altro tema del programma di governo di Rizzello: la gestione dei rifiuti. L’obiettivo della coalizione sarà di attuare un “cambio di rotta” sulla gestione dei rifiuti, migliorando i livelli di efficacia, efficienza ed economicità del servizio attraverso la gestione “in house”. Il principio base sarà “chi inquina paga” e verrà verificato attraverso uno strumento che misurerà la produzione di rifiuti per famiglia. Sarà un dispositivo elettromagnetico (“transponder”) installato su ogni contenitore del non riciclabile a registrare e a trasmetterne la quantità. Rizzello, infine, rivela che verrà introdotto un nuovo sistema di calcolo, fondato sulla tariffa “precisa”. “Precisa – spiega ancora la nota – perché cerca di calcolare nel modo più preciso possibile la quantità di rifiuti prodotti. Questo sulla base dei componenti della famiglia e degli svuotamenti del “non riciclabile”. Con questo sistema ciò che si paga è legato in modo più preciso alla quantità di rifiuti effettivamente prodotta”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!