Crolli dopo i lavori, Perrone scrive ad Aqp

Lecce. “I cedimenti strutturali non sono da addebitare all’Amministrazione”. Il sindaco sollecita interventi

LECCE – “La responsabilità dei gravi disagi ai danni dei cittadini che risiedono nelle vie S. Nicola, Calore e Adriatica, non è da addebitare in alcun modo a questa Amministrazione comunale”. Lo ribadisce a chiare lettere il sindaco Paolo Perrone dopo le numerose lamentele giunte nei giorni scorsi da parte dei cittadini interessati dal disagio. Nelle strade in questione si sono registrati dei cedimenti strutturali in corrispondenza di alcuni scavi eseguiti dalla ditta Scavi Sud di Cannole per conto di Acquedotto pugliese. Dopo aver sollecitato più volte Aqp e l’azienda esecutrice dei lavori a provvedere a risanare la situazione, Perrone oggi ha scritto all’amministratore delegato e al direttore generale di Aqp, Ivo Monteforte e Massimiliano Bianco chiedendo di “intervenire con sollecitudine, al fine di garantire il rispetto, a norma di legge, delle prescrizioni previste in materia e a ripristinare con immediatezza le sedi stradali interessate, in modo tale da assicurare condizioni dignitose di vivibilità ai residenti della zona”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!