Raccolta differenziata. ‘Stimolare l’aggregazione’

Lecce. La proposta di Sabrina Sansonetti per incentivare processi virtuosi attraverso un modo nuovo di stare insieme

Di Sabrina Sansonetti* LECCE – Oggi tutti gli Enti locali si devono confrontare con delle gravi difficoltà finanziarie. Il Comune di Lecce purtroppo non fa eccezione, trovandosi sull’orlo del default. Proprio in questo contesto diventa indispensabile realizzare una buona politica e un’oculata programmazione per continuare a garantire i servizi adeguati ad una città del livello e prestigio di Lecce. L’emergenza non deve quindi giustificare la mancanza di politica, l’erosione dei diritti, il consumo indiscriminato dei Beni comuni. E’ necessario incentivare processi virtuosi attraverso un modo nuovo di stare insieme. Un concreto esempio per valorizzare questo “patrimonio del vicinato”, potrebbe essere quello di una nuova gestione della raccolta differenziata: il Comune potrebbe stimolare l’aggregazione di gruppi di cittadini garantendo loro uno sconto sulla tariffa a patto del raggiungimento di determinati risultati sulla qualità della raccolta. Immaginiamo un grosso codominio o una zona circoscritta di un quartiere o un insieme di strade del centro storico, un vero e proprio sistema-comunità nel quale tutti gli abitanti si impegnino ad effettuare la raccolta differenziata spinta dei propri rifiuti domestici, ottenendo in cambio un vantaggio economico. L’autocontrollo tra tutti i componenti di questa micro comunità, innescherebbe una sana competizione sull’eccellenza e il rispetto del bene comune in grado di generare una serie di vantaggi a cascata: la migliore qualità degli spazi comuni e dell’ambiente, un tangibile tornaconto per le famiglie e un complessivo recupero di efficienza da parte dell’Amministrazione. Senza considerare i vantaggi che questo cambio di mentalità potrebbe far scattare, innescando un processo di emulazione, su altri ambiti quali: la sicurezza, il controllo del territorio, il decoro urbano o il rispetto di una corretta viabilità. *candidata

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!