Il sogno indiano? Vacanze in Puglia

Mumbai. Il lungometraggio Hosefull” di Sajid Khan, girato nella zona del Gargano, ha reso popolare la regione pugliese in India

MUMBAI – 400milioni di indiani sognano di trascorre le proprie vacanze in Puglia. L’occasione per divulgare l’importante e forse inaspettato gradimento degli indiani per la nostra Regione, è stata una serata di gala organizzata della Camera di commercio italo-indiana a Mumbai. Qui manager, imprenditori e la line producer italiana Giulia Salvadori, si sono ritrovati per gioire del piccolo boom che l’Italia, e in particolare la Puglia, stanno ottenendo con la presenza di diverse produzioni cinematografiche bollywoodiane. Proprio in Puglia, con l’apporto della Salvadori e il contributo economico di Apulia Film Commission, nel 2009, è stato girato – oltre ad altri film indiani- anche l’importante lungometraggio “Housefull” di Sajid Khan, tra le bellezze del Gargano (Vieste e Mattinata, in provincia di Foggia). Prodotto da Nadiadwala Grandson Entertainment, grande casa cinematografica indiana con sede a Mumbai e produttrice dei maggiori blockbuster bollywoodiani (seconda industria cinematografica la mondo dopo quella americana), il film è poi stato programmato in 750 sale (escludendo il mercato televisivo e dei dvd) ed è risultato il secondo maggiore incasso di sempre nella storia del cinema indiano. Con questa diffusione, la pellicola ha raggiunto un pubblico di 400 milioni di persone in tutta l’Asia e in luoghi dove c’è una forte comunità indiana. L’effetto dell’uscita del film è stato quello di avere reso popolare, o almeno conosciuta, la Puglia come destinazione turistica. Ad incrementare maggiormente l’immagine della Puglia in India, hanno contribuito anche altre due produzioni cinematografiche finanziate da Apulia Film Commission: “Baachna Ae Aseeeno” e “Maska”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!