L’amore per l’arte si chiama Philìa

Soleto. La mostra di Antonio Giaccari, inaugurata il 23 dicembre, resterà aperta al pubblico tutti i week end e i giorni festivi dalle 18 alle 22. Ingresso libero

SOLETO – Si intitola “Philìa” la personale di scultura dell’agronomo e artista galatinese, Antonio Giaccari, che si è aperta il 23 dicembre per chiudersi l’8 gennaio prossimo. La mostra è ospitata a Soleto, antica città di cavamonti, scalpellini e selciatori e città dell’omonima pietra, quella dura e resistente tipica delle pavimentazioni stradali del Salento, che riflettono il bianco splendore delle decorazioni e dei fregi dei palazzi e delle chiese. Ed è proprio la pietra leccese, con le sue sfumature, le sue imperfezioni, la sua malleabilità, la protagonista indiscussa delle opere di Giaccari. La mostra, in riferimento al titolo – “Philìa” – evoca sentimenti che, andando oltre al concetto di amore, comprendono amicizia, rispetto, condivisione, riconoscenza e comprensione. L’esposizione, curata dalla critica ligure Mara Borzone, è organizzata con il patrocinio della Provincia di Lecce, dei Comuni di Soleto e Poggiardo e dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provincia. Allestita nei locali della storica Canonica della trecentesca chiesa di Santo Stefano, a pochi passi dalla bianca guglia di Raimondello Orsini, la resterà aperta al pubblico tutti i sabati, le domeniche e i giorni festivi dalle ore 18 alle 22 con ingresso libero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!