Sotto l’albero, il piacere di fare la spesa. Come tutti

LA STORIA DELLA DOMENICA. Lecce. E’ nato a cura di Caritas e Comunità Emmanuel il primo Emporio della solidarietà

LECCE – Entrare in un supermercato e fare la spesa, come tutti. Muoversi tra gli scaffali pieni di prodotti colorati, scegliere, secondo i propri gusti e la propria voglia e intanto già pregustare il sapore di ciò che si acquista, una volta in tavola. Proprio come gli altri. Per molti è l’attività più naturale del mondo, la più banale, quella che addirittura diventa una noia e toglie tempo ad altre occupazioni. Per altri è un desiderio. Per chi non può permettersi le luci al neon dei market né di mettere in busta il prodotto preferito, ma solo quello che c’è e che si può. Nella sola città di Lecce sono 2.700 le famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà. La stima è della Caritas. Che negli scorsi giorni assieme alla Comunità Emmanuel ha inaugurato, nel capoluogo salentino, sulla via per Novoli, il primo Emporio della solidarietà. Un vero e proprio supermercato dove le persone in condizione di bisogno possono rifornirsi gratuitamente, tramite una semplice tessera a punti e nella massima riservatezza e discrezione. L’iniziativa proseguirà anche oltre il periodo natalizio; anzi sono già previsti altri due centri simili per il 2012. L’emporio fonda la propria attività sul servizio dei volontari, sulle donazioni e sugli ordini, che si spera arrivino numerosi, da parte di clienti che abbiano la possibilità. Per il periodo natalizio sono stati previsti dei cesti al costo di 20 euro; il ricavato sarà impiegato nell’attività del supermercato. Si accettano ordini entro il 19 dicembre per consegne fino al 24 dicembre. Poi si partirà con le campagne di sensibilizzazione nelle scuole, come quella “Un prodotto per ogni alunno” e quelle più diffuse rivolte a tutte i cittadini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!