Cosmi: “Parma-Lecce non è la partita della vita”

Alla vigilia della temibile trasferta di Parma,l'allenatore del Lecce indica la gara del “Tardini” come la partita della possibile svolta. Obodo ancora in dubbio.

“Per noi può e deve essere la partita della svolta, ma non è corretto dire che sia già una sfida da ultima spiaggia”. Sono queste le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal tecnico del Lecce Serse Cosmi alla vigilia della delicata trasferta di Parma. “L’uomo del Fiume” ha espresso il suo pensiero sostenendo: “Di sicuro siamo in una situazione nella quale dobbiamo fare punti, indipendentemente dagli avversari che ci troveremo di fronte. Non dobbiamo cullarci se tra le file gialloblu non ci sarà un giocatore del calibro di Giovinco; il Parma ha degli elementi in rosa in grado di metter in difficoltà qualsiasi compagine, per cui cercheranno i tre punti in quella che per loro rappresenterà l’ultima partita in casa prima della sosta natalizia”. Rimanendo in tema anche il Lecce dovrà fare a meno di pedine importanti come Tomovic , Benassi, Mesbah, Giandonato, Bertolacci e Ofere, tutti alle prese con infortuni più o meno gravi e con Obodo ancora in dubbio, complice una forte contusione che ne sta ritardando il pieno recupero. Un’infermeria stracolma con cui Cosmi dovrà fare i conti anche in vista del match di mercoledì prossimo contro l’Inter e che costringerà l’allenatore a fare delle scelte quasi obbligate. “I giocatori che scenderanno in campo – prosegue Cosmi – saranno solo ed esclusivamente in funzione della gara che ci appresteremo a giocare e non a quella successiva di Milano. Ora come ora non siamo nella condizione di poter fare un turnover pensato''.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!