Riapre Palazzo Vernazza. Con la mostra di Uli Weber

Lecce. Il vernissage è fissato per le 19 di oggi. Per l’inaugurazione, l’esibizione del pianista pugliese Massimo Carrieri

LECCE – Restaurato e riportato all'antico splendore da un'imponente opera di ristrutturazione, riaprirà oggi le proprie porte al pubblico. Ritorna visibile, per il piacere degli occhi e dell’anima, il cinquecentesco Palazzo Vernazza. E per l’occasione ospiterà la mostra fotografica dell’artista di fama internazionale Uli Weber. Alle ore 19 di oggi è previsto il vernissage. L’iniziativa, organizzata dall’agenzia di comunicazione Co.M.Media e sponsorizzata da GSF Capital, si avvale del patrocinio del Comune di Lecce, che coglierà l’occasione per presentare al pubblico il nuovo calendario “2012 Città di Lecce interpretata da Uli Weber“. La mostra, che rimarrà aperta fino al 15 gennaio 2012 e consentirà di ammirare gli scatti di Weber che celebrano Lecce e il Salento, è un’occasione imperdibile per osservare da vicino i “portraits” che l’artista di origini tedesche ha realizzato con artisti di fama internazionale: da Bruce Willis a Sting, da Hugh Grant a Daniel Radcliffe, passando per Kylie Minogue, Boy George, Robbie Williams, per arrivare ai “nostrani” Raul Bova, Carmen Consoli, Achille Castiglioni, Gianna Nannini, Giorgia e Paola Cortellesi. Una prestigiosa raccolta di ritratti scattati nei vent’anni di carriera e tratti dall’omonimo libro pubblicato da Skira nel 2010, che Weber ha già messo in mostra con successo nelle esposizioni di Londra, Milano e Palermo. A Lecce sarà possibile osservare una selezione di fotografie che documentano la ventennale carriera dell’artista fotografo: immagini di grande bellezza, ma al tempo stesso divertite, piacevoli, fresche, apprezzate tanto dai cultori dell’arte commerciale quanto dagli appassionati dello sfavillante mondo delle celebrità. Per il vernissage è prevista l’esibizione live del pianista Massimo Carrieri, compositore-pianista di origini pugliesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!