Parete a faccia vista. Il calendario Pop-tranto

Otranto. 70 tecnici comunali di Otranto e limitrofi in posa per beneficenza. L’iniziativa sarà presentata mercoledì

OTRANTO – Andy Warhol certamente apprezzerebbe l’iniziativa. Perché in questa forma d’arte un po’ pop ma ancora più innovativa c’è davvero di tutto: il riferimento alla cultura e alla società di oggi, l’ironia, la genialità della trovata. E poi ci sono 70 volti di personaggi noti, tutti tecnici comunali tra ingegneri, architetti, geometri e professionisti vari del Comune di Otranto e limitrofi, che “posano” come vere star da copertina, ma per beneficenza (ancora non è stata stabilita la “buona causa”). Posano, ritratti in bianco e nero dietro occhialoni modello anni ’70 di color arancio. L’effetto è garantito. Adesso si spera che anche il risultato, che è quello di fare del bene con il ricavato della vendita, venga raggiunto. Si chiama “Parete a faccia-vista” ed è il calendario del “buon tecnico” che verrà presentato al Castello di Otranto mercoledì prossimo. Una galleria di primi piani nella quale ci sono proprio tu, anche gli insospettabili: oltre a Roberto Campa, ideatore dell’iniziativa, anche Pierpaolo Cariddi, fratello del sindaco di Otranto, Michelangelo Monaco, marito della consigliera regionale di Parità Serenella Molendini, Riccardo Bandello, tecnico dell’Ato, Daniele De Fabrizio, presidente dell’Ordine degli ingegneri, Aldo Russo, vincitore di un riconoscimento specifico dell’Unesco, Tonino Risolo, consigliere comunale ad Uggiano, un duo familiare con Pino Tondo, geometra comunale di Otranto, e il figlio Francesco. Pensateci, sotto Natale. Sarebbe un regalo davvero originale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!