Rosato salentino. Multilab: ‘Autentico’

Lecce. Le analisi realizzate su 20 etichette confermano la mancanza di alterazioni sui prodotti locali. Il video promozionale li farà conoscere all’esterno

LECCE – I vini salentini sono genuini, senza alterazioni e sofisticazioni. Sono stati presentati oggi, nella Sala Consiglio della Camera di Commercio, i risultati del progetto “Rosato: il colore del Salento”, realizzato dall’azienda speciale della Camera di Commercio di Lecce, Multilab, in collaborazione con l’Unione Generale Coltivatori (Ugc) di Lecce. E la conferma sulla qualità del prodotto locale è emersa dalle analisi chimico-fisiche effettuate su 20 etichette salentine. Accanto alle analisi è stato prodotto anche un video promozionale che sarà proiettato nelle più importanti fiere di settore. Il progetto è stato presentato dal presidente del Multilab, Antonio Schipa, dal presidente dell’Ugc, Fabio Ingrosso, e dal coordinatore scientifico del Multilab, Michele Maffia. “L’obiettivo principale del progetto – ha detto Schipa – in linea con la politica di sostegno alle imprese e di promozione del territorio condotta dalla Camera di Commercio di Lecce, è rafforzare il legame tra l’immagine del Salento e quella dei prodotti enogastronomici divenuti ormai un simbolo e un modello di riferimento per la valorizzazione del territorio e delle sue tradizioni agroalimentari. L’idea progettuale nasce dall’intento principale di fronteggiare le diverse problematiche che preoccupano le cantine vinicole salentine e di sostenere quei produttori che si sforzano di mantenere intatte le tradizioni del territorio”. Secondo Fabio Ingrosso, “riuscire a comunicare correttamente ciò che differenzia l’agricoltura di qualità del Salento dalle sue contraffazioni è un passo fondamentale che bisogna compiere per rendere giustizia a tutti i produttori leccesi e far conoscere in Italia e all'estero le peculiari caratteristiche dei nostri prodotti. Realizzando il video – ha aggiunto – abbiamo puntato a far conoscere il nostro territorio attraverso una delle sue eccellenze enogastronomiche, in un momento storico in cui rischiamo di perdere identità territoriale, affannandoci troppo nella ricerca di prodotti esteri”. // Il progetto Gli obiettivi di carattere specifico sono: – elevare la conoscenza e la comprensione dei criteri di promozione del prodotto; – conoscere le varie fasi di produzione del prodotto “vino tipico”; – promozione e valorizzazione delle aziende vitivinicole salentine – caratterizzazione chimico-fisica dei vini rosati salentini. Maffia ha condotto le analisi su 20 etichette locali.“I vini rosati del Salento – ha spiegato – sono qualitativamente eccellenti nel panorama agricolo territoriale; le caratteristiche chimico-fisiche rilevate hanno evidenziato l'eccellente qualità dei vini rosati prodotti nelle cantine del territorio salentino. In particolare sono state riscontrate ottimali concentrazioni di anidride solforosa totale (solfiti) sempre nei limiti consentiti dalla normativa vigente sia italiana sia europea, che consentono un giusto equilibrio tra la conservabilità del prodotto e la sua salubrità. Le alte acidità totali (acido tartarico) e le basse acidità volatili mediamente riscontrate nei campioni analizzati garantiscono una maggiore durata delle caratteristiche organolettiche del vino e la protezione da eventuali alterazioni. Il grado alcolico è generalmente elevato, rientrando comunque nei limiti imposti dai relativi disciplinari. Infine la presenza di discrete quantità di estratto secco conferma la genuinità dei nostri vini locali e l'assenza di alterazioni e sofisticazioni”. // Il video Il prodotto “girato” in alta definizione digitale, è stato realizzato da professionisti del settore (Medit Film, con il coordinamento di Ruggiero Gabriele dell’Ugc), con riprese realizzate nei campi e nelle cantine di aziende vitivinicole della Provincia di Lecce offrendo così una suggestiva panoramica del territorio. La documentazione video riguarda l’intero ciclo delle produzioni vitivinicole, dall’inizio fino alle fasi salienti, grazie ad un accurato lavoro di ricerca degli autori, affiancati da esperti del settore (coltivatori diretti e tecnici). Le immagini sono accompagnate da una voce fuori campo che con taglio giornalistico, descrive in maniera attenta l’argomento in questione cercando di fornire nozioni tecniche ma allo stesso tempo fruibili da un pubblico non addetto ai lavori. Al termine del progetto si prevede un’attiva azione di diffusione del video con trasmissione presso le più importanti fiere di settore e valorizzazione con invio a rappresentanti istituzionali e di categoria. 13 dicembre 2011 Il Salento è rosato LECCE – Valorizzare le produzioni tipiche del territorio, offrire ai lavoratori vitivinicoli un supporto tecnico per sviluppare e approfondire la conoscenza delle proprietà organolettiche e chimiche del vino rosato. Sono gli obiettivi di “Rosato: il colore del Salento”. I risultati del progetto, affidato dalla Camera di Commercio di Lecce all’Azienda Speciale Multilab che lo ha realizzato d’intesa con l’Unione generale coltivatori di Lecce, saranno presentati alle ore 10.30 nella Sala Consiglio della Camera di Commercio di Lecce (Viale Gallipoli, 39). Interverranno il presidente dell’Ente Camerale, Alfredo Prete; il presidente di Multilab, Antonio Schipa; il presidente dell’Unione Generale Coltivatori di Lecce, Fabio Ingrosso; il coordinatore scientifico di Multilab, Michele Maffia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!