Erosione. A breve un protocollo Provincia-Regione

Lecce. La firma dell’accordo è prevista per il 20 gennaio

LECCE – Per difendere dall’erosione le coste basse, la Provincia di Lecce e la Regione Puglia agiranno d’intesa. E’ prevista per il 20 gennaio infatti la sottoscrizione di un protocollo per l'avvio di progetti di difesa delle coste basse. La firma avrà luogo in seguito all’iniziativa programmata per il 13 gennaio a Lecce, durante la quale saranno coinvolti tutti i Comuni che si affacciano sulla costa della provincia di Lecce per stabilire un crono-programma degli interventi. “In questo momento abbiamo tutti gli strumenti di pianificazione – ha detto l’assessore regionale alle Opere pubbliche e Protezione civile Fabiano Amati – ed è quindi necessario formulare le proposte da cui partire per le attività di mitigazione del rischio e lotta al fenomeno erosivo”. “Ringrazio la Provincia di Lecce – ha aggiunto Amati – perché sta rispettando il percorso che ci siamo dati. E' bene che tutti i cittadini sappiano che la Puglia è una delle Regioni più dotate dal punto di vista degli strumenti di pianificazione della costa perché disponiamo sia di strumenti di pianificazione che di quelli di 'medicazione'. Il nostro intento finale è quello di sottoscrivere protocolli d'intesa con tutte le Province pugliesi affinché, in conformità al Piano di tutela della costa, possano essere predisposti interventi conformi alle linee guida stabilite”. Lo scopo è quello di programmare interventi nell'ambito della più complessa dinamica meteo-marina. Attraverso la collaborazione con le Province, la Regione sta dunque elaborando un programma di interventi coerente con il Piano di tutela della costa che sia in grado di tutelare la vita umana e di concedere benefici, anche economici, al territorio. Sino ad oggi sono stati sottoscritti due protocolli d'intesa, il primo con l’area che comprende il comune di Monopoli e l’altro con la Provincia di Brindisi. E’ attualmente in fase di lavorazione quello con la Provincia di Lecce. Dopo la fase della sottoscrizione, la Provincia renderà noti gli interventi che, in concorso con i Comuni, riterrà plausibili ed in conformità con il Pano di tutela della costa. “La successiva attività operativa – ha concluso l’assessore – si organizzerà su diverse fonti di finanziamento: quelle che speriamo di poter mettere in campo come Regione Puglia, quelle che le Province e i Comuni destineranno alle opere di questo tipo, prevedendo anche un intervento da parte di privati, che hanno tutto l'interesse a realizzare opere di questo tipo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!