Bilancio regionale 2012. Pelillo: ‘Priorità a trasporti e welfare’

Bari. “La Puglia è la Regione meno indebitata d'Italia”. Oggi la presentazione del Bilancio. Che ora inizia l’iter nelle Commissioni consiliari

BARI – “I conti della Puglia sono in sicurezza. E francamente, mi sembra inopportuno parlare di tesoretti quando ci sono risorse così scarse da allocare in settori falcidiati dai tagli del Governo centrale, come i trasporti per i pendolari o i servizi sociali”. L’assessore al Bilancio, Michele Pelillo, questa mattina ha presentato con il presidente Nichi Vendola e il capo di gabinetto Davide Pellegrino il bilancio di previsione 2012, “non facile da chiudere, ma che alla fine ha visto soddisfatti tutti i settori e che si chiude agli stessi livelli del 2011 nonostante i pesanti tagli. In altre regioni invece che quattro ore ci avrebbero messo quattro giorni”. Il bilancio ora inizia l’iter nelle Commissioni consiliari competenti fino alla maratona consiliare di fine anno. La disponibilità per i settori che sarebbero stati colpiti, come il trasporto (treni, pullman e aerei), ma anche il fondo per le non autosufficienze, è stata trovata anche grazie ai “lusinghieri risultati del piano di rientro sanitario”. E il bilancio è stato licenziato ieri sera dalla Giunta dopo una lunga seduta. “Il nostro bilancio – ha continuato Pelillo – è molto forte. Il trend del debito ad esempio: dal 2005 siamo riusciti a dimezzarlo e oggi siamo la regione meno indebitata d’Italia. Certo, il debito resta: se non lo avessimo e non dovessimo pagare le rate di interessi che abbiamo ricevuto in eredità, avremmo potuto fare di meglio. Eppure, nonostante la congiuntura sfavorevole, abbiamo la stessa disponibilità del 2011 senza aumentare le tasse”. “Ancora una volta – ha continuato – abbiamo dato priorità al cofinanziamento dei fondi comunitari, versando 676 milioni di euro. E ciononostante non utilizziamo quanto previsto dal decreto Monti per la parziale nettizzazione del cofinanziamento dei fondi europei: i 218 milioni concessi ci avrebbero fatto comunque andare in sanzione. Però al 31 dicembre confermiamo che il patto di stabilità sarà del tutto rispettato. E’ una fase nuova: recenti innovazioni legislative ci hanno imposto di verificare prima il rispetto del patto di stabilità e poi di incardinare il bilancio. Per la prima volta abbiamo scritto il bilancio sulla base dei limiti imposti dal patto di stabilità e non sull’equilibrio della competenza di parte corrente e capitale: è un cambio epocale per tutte le Regione al quale siamo stati pronti. E allineando la disponibilità di cassa crea un effetto virtuoso perché non crea residui passivi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!