Ruba un portafogli nella confusione delle fiera. Preso

Lecce. Gli agenti delle Volanti hanno tratto in arresto un cittadino dello Sri Lanka

LECCE – Piazza Sant’Oronzo, ieri sera, era piena come non mai. La tradizionale Fiera dei pupi e le imminenti festività natalizie con la conseguente corsa allo shopping hanno portato in città confusione e allegria. Il lato negativo della medaglia è l’aumentata allerta nei confronti di furti e reati simili. Proprio ieri sera, infatti, gli agenti delle Volanti sono intervenuti per un caso di furto di portafogli. I militari sono stati chiamati da alcuni passanti e da volontari della protezione civile che hanno segnalato la presenza di alcuni cittadini stranieri che in atteggiamento sospetto si aggiravano tra le bancarelle dei presepi, osservando borse e marsupi. Considerata l’elevata affluenza di persone è stato richiesto l’intervento di una seconda pattuglia con la quale è stato effettuato un controllo più accurato tra le bancarelle. Ad un certo punto, l’attenzione dei poliziotti è stata attratta dalla presenza di un capannello di persone in prossimità del bar Albino in evidente stato di agitazione ed in particolare di una persona che cercava di trattenere a fatica un uomo che tentava di divincolarsi. Immediatamente quest’ultimo è stato bloccato ed identificato: si tratta di Shanthirakumar Balasingam, nato nello Sri Lanka nel ’68. L’uomo che tentava a fatica di bloccarlo ha spiegato agli agenti di aver subito pochi minuti prima del loro arrivo il furto del portafogli custodito in un marsupio a tracolla. Accortosi del furto, ha rincorso lo straniero che per liberarsi l’ha colpito con calci e pugni. Balasingam è stato arrestato per tentata rapina impropria. All’interno del portafogli vi erano 70 euro e documenti vari, immediatamente restituiti al legittimo proprietario.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!