Manovra Monti. Tre ore di sciopero anche a Lecce

Lecce. La manifestazione è appoggiata dalle sigle sindacali di Cgil, Cisl e Uil. Che invitano i lavoratori sotto la Prefettura a partire dalle 11

LECCE – Un presidio davanti alla Prefettura per manifestare tutta la preoccupazione per le conseguenze della manovra economica su lavoratori dipendenti e pensionati e sulle prospettive di sviluppo del Paese. E’ quanto hanno organizzato a Lecce, a partire dalle ore 11 e per le tre ore successive, le segreterie salentine di Cgil, Cisl e Uil, i sindacati che, a livello nazionale, nelle scorse ore hanno chiesto un incontro urgente con il presidente del Consiglio Mario Monti per affrontare i problemi derivanti dalla manovra e per chiedere le necessarie modifiche. Cgil, Cisl e Uil hanno inoltre chiesto un vertice con tutti i rappresentanti dei partiti per sollecitare la presentazione di emendamenti nella fase della discussione parlamentare del recentissimo Decreto varato dal Governo. Intanto le tre Organizzazioni sindacali presenteranno emendamenti comuni nel corso dell'audizione alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato. A livello nazionale, infine, saranno effettuati presidi permanenti davanti alla Camera dei Deputati e al Senato fino alla conclusione dell'iter parlamentare previsto per la manovra economica. Le segreterie leccesi invitano i lavoratori salentini ad aderire allo sciopero e a partecipare, unitamente ai pensionati, numerosi e compatti, alla manifestazione “per una equità sociale degli interventi e un impegno per le politiche della crescita”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!