Un attore a mani nude

Lecce. Al via il laboratorio teatrale firmato Nasca Teatri di Terra e diretto da Ippolito Chiarello

L'obiettivo di Chiarello è formare un gruppo e creargli uno spettacolo ad hoc. Parte il 10 Dicembre e solo per questo mese anche domenica 11, sabato 17 e domenica 18 il laboratorio Studi Sparsi Nasca Teatri di Terra 'per un “attore” a mani nude' diretto da Ippolito Chiarello, Training fisico Mariliana Bergamo per l'organizzazione di Marcella Buttazzo e proseguirà ogni sabato fino a maggio 2012. Chiarello ci spiega quali sono davvero gli obiettivi che si vogliono perseguire con questo laboratorio: “Dopo tanti anni di esperienza e di pratica attoriale e di formazione personale e per gli altri, capisco l’importanza di un passaggio di “pratiche” e “pensieri” da agire. Capisco le direzioni e i modi per guidare chi volesse affacciarsi su un legno prezioso e carico di responsabilità. L’urgenza di passare una consapevolezza scenica acquisita con la pratica, ma anche e soprattutto un’etica del lavoro legata alla necessità dell’agire quotidiano nel tessuto urbano, della città, per educare una comunità. Sulla scorta di un mio impegno, collaudato e non solo strettamente artistico, orientato in questi anni a ricreare una relazione sentimentale, privilegiata e necessaria con il pubblico e il nuovo pubblico, il pubblico che bisogna ri-conquistare (Il Barbonaggio Teatrale, La casa Teatro, la Residenza teatrale: Hestia il ventre dei luoghi, il Circuito: Quante storie in… giro), vorrei sviluppare un lavoro che, oltre alla pratica attoriale, si concentri anche, al fine di rendere questa pratica ancora più consapevole, sull’azione legata all’ambiente circostante: il pubblico, il quartiere, la città, l’educazione, il contatto, la relazione. Lo strumento del Laboratorio Teatrale non come parcheggio dove trascorrere semplicemente del tempo e da scegliere in alternativa alla palestra o ai balli di gruppo, ma luogo di crescita vera: umana e/o artistica. Un luogo di crescita e scambio biunivoco. Ricerca viva e non solo comunicazione nozionistica di tecniche. La tecnica si acquista con la pratica e il laboratorio deve essere un luogo di orientamento e di creazione di fondamenta e radici su cui far crescere, a seconda delle aspirazioni, i frutti che desideriamo. Palestra di orientamento per chi volesse scegliere questo mestiere e luogo dove poter esprimere con grande rigore una passione che non necessariamente diventerà il proprio lavoro. Una formazione che tenga conto anche della conoscenza di tutto “lo strumento teatro”: luogo, visione, organizzazione, cura, tecnica, promozione, pubblico. Il laboratorio deve essere poi possibile “serbatoio” di attori per le produzioni, i progetti e il quotidiano di NASCA. Una formazione che si avvale anche di apporti di altri artisti che si alterneranno in questa nuova “casa”. Alla fine di ogni esperienza bisogna sempre portarsi qualcosa a casa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!