Sel e la Puglia per Vendola smentiscono l’intesa

Casarano. Intanto domani i vendoliani presenteranno alla cittadinanza Franco De Matteis, candidato alla carica di sindaco

CASARANO – Nessun margine di intesa a Casarano tra Sinistra Ecologia e Libertà e il movimento La Puglia per Vendola. Il circolo cittadino di Sel, con un comunicato stampa, chiarisce e allontana ogni dubbio circa la possibilità di un dialogo tra le due forze politiche. Il problema, spiega la nota di Sel, non è il movimento “vendoliano”, con cui Sel è federato, ma la figura del referente cittadino di PxV, ossia Paolo Zompì e la sua storia politica, incompatibile con la posizione del partito. A questo punto non è più scontato che Sel partecipi al tavolo delle trattative del centrosinistra, che si terrà giovedì 15 dicembre. “In merito alla notizia secondo cui Sinistra Ecologia e Libertà e La Puglia per Vendola si sono ritrovate allo stesso tavolo del centrosinistra tenutosi a Lecce lo scorso mercoledì – si legge nella nota – occorre fugare ogni dubbio circa la possibilità di un dialogo tra le due forze politiche. Se è legittimo che La Puglia per Vendola e Sinistra Ecologia e Libertà discutano collegialmente a livello provinciale e regionale in vista degli appuntamenti elettorali della prossima primavera, a Casarano – precisa Sel – non vi è alcun margine di intesa perché le nostre istanze di rinnovamento e di discontinuità con la passata esperienza amministrativa non lo consentono, essendo assolutamente incompatibili con i trascorsi politici di Paolo Zompì che della Puglia per Vendola ne è il referente”. “Le posizioni del nostro circolo cittadino – conclude la nota – restano dunque immutate e coerenti con quanto già dichiarato in passato”. La posizione di Sel, quindi, è di chiusura totale nei confronti del presidente del Consiglio Comunale uscente. Circostanza che, al contrario, non agita più di tanto le altre forze politiche della coalizione e, infatti, il Pd ha intenzione di convocare La Puglia per Vendola, e dunque Zompì, al tavolo di discussione del centrosinistra. Domani mattina, intanto, alle 10, presso il Centro Anziani sito in Vico Araldo a Casarano, il circolo cittadino di Sel presenterà alla cittadinanza Franco De Matteis, candidato alla carica di sindaco per le elezioni amministrative 2012. Lo stesso, che per l’occasione sarà intervistato da Fernando D’Aprile, direttore del quindicinale “Piazza Salento” già redattore di “Quotidiano”, esporrà il suo programma partecipato. “Il programma – si legge nella nota di presentazione – rilevando la situazione di crisi sociale ed economica in cui versa la città, chiama i cittadini e tutti i portatori d’interesse a prendere atto che, nella prossima consiliatura, Casarano deve affrontare e vincere una serie di sfide volte a riportare la socialità al centro dell’azione politica, incrementare le conoscenze collettive della città e governare il territorio in ottica allargata al fine di assicurarne il progresso”. 09/12/2011 Amministrative. Si allarga il tavolo del centrosinistra CASARANO – Sono cominciate le grandi manovre nel centrosinistra per definire una coalizione la più ampia possibile in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera. Il tavolo delle trattative di Casarano sarà subito allargato a quelle forze che già discutono collegialmente a livello provinciale. “Puglia per Vendola”, Verdi e Partito Socialista sono forze del centrosinistra e hanno tutto il diritto di far parte della coalizione anche a Casarano. La loro legittimità a partecipare alle trattative è stata confermata all’incontro dell’altra sera, avvenuto a Lecce, con le delegazioni dei sette partiti dell’area. Il tavolo di Casarano si allarga, quindi, e già giovedì prossimo è previsto un primo incontro di tutte le sigle presenti in città. La base di partenza sarà il documento firmato il 1° dicembre scorso dai segretari provinciali. A Casarano nemmeno si salutano; a Lecce partecipano allo stesso tavolo e discutono insieme dei problemi della città. E’ il caso dei rappresentanti di “Sinistra, ecologia e libertà” e del movimento “La Puglia per Vendola”, tra l’altro federati a livello regionale. L’altra sera a Lecce, infatti, Patrizia Cristaldi, segretaria cittadina di Sel, si è anche confrontata con Paolo Zompì, delegato del movimento “vendoliano”, e con il quale per la prima volta si rivedrà giovedì prossimo al tavolo cittadino. Insieme ai responsabili provinciali, all’incontro c’erano anche Francesco De Marco (Pd), Piergiorgio Caggiula (Idv), Giuseppe Alfarano (FdS) e Marcello Torsello (Verdi). Si è trattato di un incontro importante perché le delegazioni sono state concordi nel condividere il documento dei segretari provinciali, firmato il 1° dicembre, e hanno tracciato un percorso chiaro per definire il loro progetto politico. Le forze del centrosinistra hanno riaffermato il valore dell’unità della coalizione per affrontare l’impegno elettorale e si sono impegnate alla costruzione di un progetto che punti allo sviluppo della comunità. I partiti assumeranno il ruolo di cabina di regia delle analisi delle dinamiche territoriali e delle conseguenti scelte politico-amministrative, condividendo l’affermazione di un percorso politico e di governo che si concretizza nella centralità della collegialità delle decisioni. A partire da giovedì, quindi, le sigle del centrosinistra, insieme all’Udc e al movimento Api, cominceranno a discutere per trovare l’accordo su un nome. In ballo ci sono già almeno tre nomi: Gabriele Caputo per il Pd; Attilio De Marco proposto dall’Udc; Franco De Matteis per Sel, che sarà ufficialmente presentato domenica prossima (ore 10) presso il Centro per Anziani in vico Araldo, intervistato da Fernando D’Aprile. Se non ce la faranno a fare sintesi, la strada obbligata saranno le primarie ed è possibile che si aggiungano altri nomi, in primis quello di Paolo Zompì. Come si è detto, alla prossima convocazione del tavolo di discussione saranno invitati anche i responsabili cittadini de “La Puglia per Vendola” (Zompì) e del Partito Socialista (Franco Carbone). E’ probabile che al tavolo torneranno anche i Verdi: Torsello in questi giorni riunirà i suoi per decidere se partecipare o meno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!