Boxe: Santoro colpisce ancora

Antonio Santoro supera agevolmente ai punti il kosovaro Orsof Lyos sancendo la sua quarta vittoria tra i professionisti.ILl leccese per il 2012 punta al titolo italiano.

Di solito nella boxe quando si narra di un successo ai punti, ci si immagina di un match tirato, di un incontro vinto a fatica, all’ultimo respiro. Ebbene no, provate a chiederlo ad Antonio “El Dynamite” Santoro, lui ha ufficialmente coniato un nuova modalità per prevalere sull’avversario: la vittoria ai punti “senza esclusione di colpi”. Il trionfo del suo 4° match professionistico nella categoria dei welter e svoltosi per la prima volta in diretta tv al cospetto del kosovaro Orsof Lyos, è la limpida dimostrazione di come un pugile possa surclassare l’avversario fino all’ultimo gong tra il tripudio dei presenti in studio e quello dei tanti telespettatori. L’evento pugilistico ha inoltre previsto sei incontri sotto clou che hanno fatto da cornice al match della serata, il tutto sotto la supervisione del presidente del Coni Antonio Pascali e del presidente del Movimento Regione Salento Paolo Pagliaro. La cronaca del confronto più atteso è stata a senso unico, con il boxeur della rinomata scuderia Conti Cavini abile ad incalzare l’avversario per tutte e sei le riprese. Nel mezzo una serie infinita di colpi messi assegno con chirurgica precisione, hanno infiammato il pubblico di casa rendendo ancor più altisonante il verdetto finale. Per il resto, forza mentale e difesa impenetrabile iniziano ad essere il vero marchio di fabbrica del campione leccese, che nei quattro match da professionista finora disputati, ha sempre mantenuto il centro del ring imponendo la sua boxe attraverso un’invidiabile calma olimpica ed uno sguardo imperturbabile. Al termine delle consuete premiazioni di rito, il ventinovenne salentino riserva una dedica speciale: “questa vittoria la dedico a mio zio Antonio, che mi segue passo passo ormai da anni non solo nella mia attività ma soprattutto nella mia maturazione fuori dal ring; per me è un punto di riferimento imprescindibile. Sono molto soddisfatto per l’esito del match e sono pronto a sfidare qualsiasi avversario. Per gennaio si prevede il mio primo incontro all’estero e l’obiettivo cardine per il 2012 sarà riuscire a portare a casa un titolo italiano tra i professionisti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!