Appalto rifiuti. Caggiula: ‘Il solito teatrino della politica’

Casarano. Dietro il rinnovo dell’appalto ci sarebbero, secondo il coordinatore di Idv, procedure non troppo lecite e facili favoritismi

CASARANO – Il rinnovo dell’appalto per la gestione rifiuti fornisce a Piergiorgio Caggiula, coordinatore dell’Italia dei valori di Casarano, l’occasione per una riflessione “allargata” su presunti illeciti e favoritismi nell’assegnazione degli incarichi. Sotto la lente di Caggiula finiscono l’Ato, la Geotec ed il Pdl non solo locale. Riportiamo la sua nota in versione integrale. Quello che doveva essere è stato. Se anche a qualcuno fosse balenata la pur semplice idea che la politica potesse cambiare si dovrà ricredere quanto prima. Lo scenario rimane sempre uguale, gli attori perseverano e gli spettatori, paganti e insoddisfatti, assistono ad uno spettacolo veramente deprimente. Premettiamo che la vicenda è abbastanza intricata ma le conclusioni risulteranno abbastanza evidenti e difficilmente smentibili. La notizia dell’ordinanza di rinnovo per l’appalto della raccolta dei rifiuti a Casarano, emanata dal commissario con la compiacenza dell’Ato e di qualche politico locale fa sorgere dubbi sulla liceità del provvedimento, sulla trasparenza dell’operazione e sui fini che si vorrebbe perseguire tali da far pensare male. Ed a pensare male, molte volte, ci si azzecca. I fatti sono evidenti: invece di operare a tutela e salvaguardia del bene comune gli attori si son prodigati per tutelare i propri. L’Ato in primis inventandosi prima un mini bando di un mese con regole talmente astruse e scellerate pur di favorire una ditta e non altre. A questo ci possiamo aggiungere che, guarda caso, sempre per il principio del pensar male ed azzeccarci, lo stesso organo consortile si sia premurato prima, in tutta fretta, di indire la famosa gara mini d’appalto di un mese salvo poi il mese successivo fare un passo indietro e defilarsi scaricando le responsabilità del prossimo bando al Comune di Casarano. La Geotec, che forte della tutela operata da qualche ras della politica locale non rispetterebbe oggi come non rispettava ieri gli obblighi previsti dal capitolato d’appalto a tutto scapito del servizio, della tutela dei diritti fondamentali dei lavoratori e dei cittadini. E per chiudere e completare il triangolo il Pdl, locale e non. Si, perché qualcuno dovrebbe spiegare a noi poveri cittadini cosa ci azzecchi con Casarano l’assunzione a tempo indeterminato di un operatore ecologico di Acquarica del Capo. Perché di Acquarica e non di Casarano. A pensar male forse perché paesano (e forse elettore) del presidente dell’Ato? Ed ancora qualcuno dovrebbe spiegarci perché fra tanti ad essere assunto sia stato un altro operatore, parente diretto, anzi fratello, di un noto esponente politico locale del Pdl. Prendiamo atto che la famiglia venga prima di tutto ma facciamo presente che di famiglie Casarano è piena come di necessità occupazionale. Ma al Pdl locale premiare i propri dirigenti piace. Dopo il caso dell’assegnazione per merito di una poltrona al dott. Memmi Antonio ora è il turno del sig. Marrella Gianpiero. Avanti il prossimo, la campagna elettorale è iniziata e per compattare le truppe non c’è bisogno di programmi, progetti e buone intenzioni. Bastano le prebende. Piergiorgio Caggiula

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!