Il Lecce si rituffa sul mercato

In attesa dell'anticipo di sabato tra Lecce e Napoli, il direttore sportivo Osti ha ricevuto il via libera dalla società per rinforzare la squadra.Tra i nomi caldi,Okaka.

E’ già tempo di mercato in casa del Lecce. Dopo il summit in via templari di qualche giorno fa, il direttore sportivo Carlo Osti ha ricevuto il “a osta” per rinforzare la squadra nella finestra del mercato invernale con la speranza che Giacomazzi & soci non peggiorino la loro situazione da qui al fatidico mese di gennaio. Tra i nomi più caldi pare esserci quello della punta Stefano Okaka, tassello non pervenuto dello scacchiere della Roma ed ex Bari, il quale rievoca cattivi ricordi per quel derby casalingo di un anno fa perso proprio per mano del talento scuola Roma. Un profilo di giocatore assai gradito al tecnico Di Francesco che prima di pensare al mercato, dovrà pensare a salvare la sua panchina nell’anticipo di sabato sera contro il Napoli. Del resto, la fiducia a tempo rinnovata da Carlo Osti all’allenatore potrebbe avere il suo capolinea in caso di una sconfitta a beneficio di Lavezzi & compagni. Di Francesco questo lo sa perfettamente e proverà il tutto per tutto per vincere l’incontro e dimostrare che le vittorie esterne di Bologna e Cesena non sono frutto del caso. Intanto nella partitella a campo ridotto l’ex tecnico di Pescara e Lanciano ha provato un inedito schieramento allungando la linea dei difensori a cinque, con Oddo e Mesbah molto larghi e centrali Tomovic, Esposito e Ferrario. Un assetto che ha previsto quattro centrocampisti con l’unica punta Muriel che lascerebbe presagire ad un Lecce più coperto in vista delle svolazzate di Lavezzi, degli inserimenti di Hamsik e delle scorribande di Maggio. Tra dubbi di formazione e uomini da scegliere l’unica conferma rimane quella di Benassi, diventato già idolo dei tifosi giallorossi e nuovo trascinatore di una squadra ancora alla ricerca di una sua identità

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!