“Squadra Nuove Frontiere”: il progetto prosegue

Continua con buoni propositi e grande entusiasmo il 1°stage della “Squadra Nuove Frontiere” partito pochi giorni fa.L'obiettivo è la formazione di una squadra multietnica

E’ ancora in corso il Primo Stage della “Squadra Nuove Frontiere” iniziato lo scorso 20 novembre con chiusura prevista per il 20 dicembre prossimo. Il progetto, nato dalla mente di Football Italy e in collaborazione con l’Asd Capo di Leuca, ha previsto l’aggregazione di gruppi di giovani talenti di varie nazionalità che si allenano quotidianamente presso la Cittadella dello Sport “Giovanni Paolo II” di Castrignano del Capo sotto l’occhio esperto di mister Ernesto Nani, tecnico di lungo corso che annovera tante esperienze nei settori giovanili della penisola italiana e non solo, coadiuvato inoltre dal suo secondo Ciprian Tudoraslu. Il fine ultimo del progetto è quello di creare una squadra multietnica attraverso i valori sani dello sport che vada in giro per l’Italia e l’Europa per affrontare una serie di gare amichevoli. “il mio intento è seguire questi giovani atleti e farli diventare una vera squadra” sono queste le prime parole di mister Nani che prosegue: “ una volta formato il team multinazionale potremmo organizzare, grazie hai contatti che ho accumulato nel corso degli anni, delle partite amichevoli cin alcune realtà del campionato russo. Lo scopo sarà poi quello di organizzare match in Italia e in Europa con ragazzi dal 1992 al 1995 con il sogno di affrontare il Lecce in amichevole. Aldilà degli eventi sportivi in se, lo scopo principale sarà costruire un certo business e quindi scoprire talenti e vendere giocatori per creare quel circolo virtuoso che ci possa permettere di crescere nel tempo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!