Giardini Ingrosso. Schirinzi: ‘Cocos al posto delle palme malate’

Casarano. Così come sono, gli alberi costituiscono un pericolo per i cittadini. L’ex consigliera donerà al Comune un progetto di restauro arboreo

CASARANO – Abbattere le palme malate dei giardini comunali “William Ingrosso” e sostituirle con altre piante. La proposta parte da Leda Schirinzi, ex consigliera comunale, nonché vedova del sindaco a cui è dedicato il parco di piazza Umberto I. Del bellissimo palmeto, infatti, tanto caro al sindaco Ingrosso, sono rimasti solo i tronchi delle piante, abbattute dal punteruolo rosso, il micidiale parassita di molte specie di palme. Un’immagine veramente desolante che non è certo positiva per la città. Secondo la dottoressa Schirinzi, inoltre, i tronconi senza palme sarebbero anche pericolosi per la pubblica incolumità. “Ho chiesto agli uffici comunali preposti di intervenire – rivela l’ex consigliera – perché costituiscono un pericolo per i cittadini. La situazione è molto critica, c’è anche un cipresso che è pericolante. Queste cose le ho segnalate e spero che si intervenga. Nei prossimi giorni – prosegue la Schirinzi – ho intenzione di inviare una lettera al commissario prefettizio anche per proporre di sostituire le palme dei giardini comunali con altre piante. Per esempio con le Cocos, come stanno facendo tanti altri Comuni”. La dirigente sanitaria, infine, ha anticipato che donerà gratuitamente al Comune di Casarano un progetto di restauro arboreo redatto da un paesaggista. Non è la prima volta che Schirinzi interviene per salvaguardare il palmeto dei giardini comunali “William Ingrosso”. Già l’anno scorso, quando gli effetti distruttivi del parassita cominciavano a vedersi, lanciò un inutile appello per la difesa delle piante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!