Meno rifiuti. Garrisi illustra il Decalogo

Lecce. Consigli utili per produrre meno scarti ed una nuova bag in tessuto naturale per gli acquisti. Giornata all’insegna del riciclo, sotto il gazebo gonfiabile

LECCE – Prenderà il via oggi alle ore 16, in piazza Sant’Oronzo, l’iniziativa denominata “RE-USE”, l’azione dell’Ufficio Ambiente del Comune di Lecce per la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti. Convalidata dal Comitato promotore nazionale, rientra tra le azioni ufficiali che si svolgono su tutto il territorio italiano sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica e consisterà essenzialmente nella distribuzione gratuita dei cosiddetti shopper, le borse riutilizzabili che ci si augura possano prendere quanto prima il posto dei sacchetti in plastica e che permetterebbero a livello europeo un risparmio di 700mila tonnellate di petrolio ed una riduzione di 1,4 milioni di tonnellate di emissioni di CO2. Sono esattamente 7.035 le azioni ufficiali Serr (Settimana europea per la riduzione dei rifiuti). realizzate nella medesima settimana su tutto il territorio europeo e che hanno come obiettivo quello di informare i cittadini europei a proposito delle semplici azioni che si possono implementare nella vita di tutti i giorni per contribuire alla riduzione dei rifiuti. Tra queste azioni rientra l’iniziativa del personale dell’Ufficio Ambiente del Comune di Lecce e dell’assessore alle Politiche Ambientali, Gianni Garrisi, i quali sotto il consueto gazebo gonfiabile di colore giallo che ormai li contraddistingue in ogni iniziativa, saranno a disposizione di tutti dalle prime ore del pomeriggio di sabato e fino a sera inoltrata per illustrare il Decalogo di buone pratiche per la riduzione dei rifiuti. Presso lo stand è prevista, inoltre, previa la compilazione di un veloce questionario, la distribuzione gratuita delle nuovissime bag in cotone naturale realizzate ad hoc su progetto dell’Ufficio Ambiente del Comune di Lecce personalizzate con vecchi detti popolari salentini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!