Mettici la faccia

Nuovo sistema per commentare le notizie del Tacco. Con facebook

Otto anni fa, quando è nato www.iltaccoditalia.info, pensammo ad un sistema aperto, senza filtri, attraverso il quale i lettori liberamente potessero interagire tra loro e con la redazione. Siamo stati i primi nel Salento e tra i primi in Italia a sognare la creazione di una community e la piena realizzazione del citizen journalism, del giornalismo fatto dai cittadini: fatto da segnalazioni, denunce, anche contributi foto e video. E’ stata un’esperienza bellissima che attorno ad alcuni casi giornalistici e ad alcune inchieste ha creato un collante fortissimo tra i lettori e la testata. Adesso la discussione, nella maggior parte della testate, si è spostata su Facebook, ed è lì, mettendoci la faccia, che il dialogo diventa ancor più costruttivo. Così abbiamo deciso di creare circolarità tra il Tacco d’Italia e la sua pagina facebook, dove ogni notizia potrà dare il là alla creazione di forum dedicati. Chiediamo perciò ai nostri 15.000 lettori quotidiani di fare uno sforzo ulteriore: metteteci la faccia, nel commentare, come la mettiamo noi , ogni giorno, dandovi le notizie. Sarà un bellissimo scambio alla pari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!