Ausiliari Sgm. Peyla: ‘Nessuna vessazione’

Lecce. Il presidente della società che gestisce il traffico leccese risponde alle accuse lanciate nelle scorse ore da Rotundo e Bellanova

LECCE – “Le accuse di vessazione avanzate nei confronti di SGM prima dal consigliere Antonio Rotundo e ora anche dall’onorevole Teresa Bellanova, che arriva a fare addirittura un’interrogazione parlamentare citando numeri non documentati e dicendo clamorose inesattezze, come quella secondo la quale non ci avvarremmo di coordinatori, sono francamente assurde e fuori dal mondo”. Il presidente di SGM, Gianni Peyla, replica con forza a quanto i due esponenti del PD hanno asserito a seguito della decisione della partecipata di intensificare i controlli sulle strisce blu nel Comune di Lecce. “Ribadisco – continua Peyla – che la società non deve giustificarsi se decide di intensificare i controlli delle zone a pagamento, perché lo fa anche e soprattutto a tutela degli utenti regolari e su segnalazioni degli stessi. L’intensificazione è mirata a supportare meglio tutti gli ausiliari che lavorano su strada e rientra nella nostra ordinaria amministrazione. Non corrisponde assolutamente a verità che siano state date disposizioni formali dalle quali si evince che un ausiliario possa controllarne un altro, compito preposto solo ai coordinatori e ai responsabili in forza nel nostro organico, contrariamente a quanto sostiene la Bellanova. L’ausiliario controlla solo la regolarità dei ticket sulle macchine e non può fare altro, sempre sotto l’attenta guida dei coordinatori e vice”. “Ho sempre rispettato – conclude Peyla – il senso della legalità di persone come Rotundo e Bellanova, ma questo loro ostinarsi a parlare di ‘vessazione’ ai danni dei cittadini, mi fa dedurre che forse facciano tanto i paladini della legge ma poi di fatto ci stiano invitando a tollerare comportamenti illegali, perché chi sosta sulle strisce blu senza grattino e con il grattino scaduto si rende colpevole di un’infrazione che per legge va sanzionata. Nessuno qui vuole vessare. Ci sono delle regole e vanno rispettate. Infine, ho sempre dato la massima disponibilità di fornire dati a chiunque me ne facesse richiesta: perché Rotundo e la Bellanova non me li hanno chiesti per verificare, numeri alla mano, quanto detto loro dai ‘bene informati’? Da quando la politica è scesa ad un livello così basso che si sparano cifre senza sapere se sono vere”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!