‘Ossigeno’ per due croniste

Ruvo. Conversazione con Rosaria Malcangi, la bomba, la paura, la fatica di scrivere per 5,2 euro a pezzo

RUVO – Ho conosciuto Rosaria al festival ‘Caratteri mobili’, il bellissimo appuntamento per riflettere sul ‘fare inchiesta a Sud’, di cui è direttore editoriale Vito Giannulo di Rai3. Alla fine della presentazione di uno dei miei due documentari girati sul confine greco-turco, mi si avvicina, si presenta e mi chiede il cellulare. Glielo do e la guardo con fare interrogativo, per dirle: “Guarda che non sono nessuno”. Lei sorride e in modo assertivo dice qualcosa del tipo “ci incontreremo”. Quando l’ho chiamata dopo aver saputo della bomba fatta esplodere sotto casa sua, a Ruvo di Puglia, il 6 novembre scorso, per intervistarla per ‘Ossigeno’, mi ha subito ricordato del nostro incontro. Mi era rimasta impressa sia per la frase profetica, sia per la metodicità con cui aveva appuntato il numero di cellulare sul suo taccuino, pronto ad essere sfoderato come un’arma non convenzionale. Sono dettagli apparentemente insignificanti e che anzi passano completamente inosservati, ma non a chi fa questo mestiere da tanti anni e fa dello spirito di osservazione uno dei suoi ‘ferri’ del mestiere. “Rosaria, ne vale la pena rischiare la vita per 5,2 euro a pezzo”? – le ho chiesto. “Il valore di quello che fai non risiede nel compenso che ricevi per farlo” – mi ha risposto. Già, ma come la metti con il tirare a campare, la fatica, anche la delegittimazione che sembra derivare da un tale compenso? Ecco la nostra conversazione, pubblicata sull’ultima newsletter di ‘Ossigeno’, sul sito www.ossigenoinformazione.it OSSIGENO – RUVO (BARI), 21 NOV 2011 – Hanno fatto esplodere una bomba sotto casa sua in piena notte per metterle paura, ma Rosaria non si sente un’eroina. È una cronista che scrive solo ciò che accade e non vuole mettere a rischio con imprudenze la sua vita e quella dei suoi familiari. Ma, come tanti giornalisti, lei dice: questo è il mio lavoro. Lei dice we insist, come diceva Pierpaolo Faggiano, il corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno, precario come Rosaria, morto suicida il 21 giugno 2011 a Ceglie Messapica, nel brindisino. Rosaria ha dedicato alla triste storia di Pierpaolo il suo primo documentario. Lo ha presentato alla due giorni della “Carta di Firenze”. “We insist” è il titolo. Era il grido di guerra di Pierpaolo e anche il nome di un festival che aveva ideato lui. Rosaria dice che non si può dare una spiegazione ad un gesto come quello di Pierpaolo. Per lui questo mestiere precario era diventato un tunnel di cui non vedeva più la fine. Ma io voglio chiedere a Rosaria se si può rischiare la vita per 5,20 euro a ‘pezzo’? “Sì, si può perché – mi risponde – il valore di quello che fai non risiede nel compenso che ricevi”. Su questo Rosaria non ha dubbi. Ha 37 anni, è laureata in lettere moderne a Bari, vive a Ruvo di Puglia, insegna per diversi progetti Pon e Pof nelle scuole, da settembre è pubblicista. È una cronista. Racconta ai lettori della Gazzetta del Mezzogiorno ciò che accade a Ruvo di Puglia e a Terlizzi, la città di Nichi Vendola. Racconta i fatti per 5,20 euro a pezzo. Non scrive di mafia, non fa inchieste su fatti scottanti. Perciò è rimasta alquanto “stupita” quando le hanno fatto capire senza ombra di dubbio che la bomba carta esplosa il 6 novembre scorso di fronte a casa sua, era indirizzata proprio a lei. Perché? Cosa può esserci di pericoloso, si è chiesta, per chi, come faccio io, racconta sul giornale ciò che accade nei consigli comunali di due paesoni da venticinquemila abitanti ciascuno? Ne parliamo insieme. Rosaria mi spiega come lavora. È così metodica e precisa da seguire per dodici ore di fila il consiglio comunale senza perdersi una battuta. Ha scritto che in soli sette minuti, il tempo che si impiega per andare in bagno, il consiglio comunale ha approvato la modifica di un regolamento comunale che ora permette di allargare i vani tecnici innalzati un po’ qua, un po’ là, aprendo porte e finestre et voilà, trasformandoli in mansarde attrezzate. Ci chiediamo se può essere pericoloso scrivere queste cose, visto che sono accadute. Rosaria ha scritto anche che l’opposizione non si è opposta, non ha mosso un dito, si è astenuta, non ha pronunciato nessun intervento per dissociarsi. Perché dovrebbe essere pericoloso dire semplicemente queste cose che accadono veramente? Rosaria Malcangi assiste alle sedute del consiglio comunale. Mi racconta che quando è stata discussa la proposta di costruire 400 nuovi appartamenti, si è visto che gli interessi di imprenditori, faccendieri, semplici lavoratori convergevano, e lo spazio riservato al pubblico era affollato da intere famiglie al completo. Anche in questi casi Rosaria osserva e scrive semplicemente quel che accade. Può essere pericoloso anche fare queste osservazioni? Non dovrebbe, se non fosse che c’è un confine arbitrario che alcuni vorrebbero non fosse mai varcato quando si fa la cronaca. Io lo chiamo il confine dell’orticello. Secondo chi ha tracciato questo confine, ognuno ha diritto a difendere e valorizzare il suo orticello e guai a chi si mette in mezzo o ci guarda dentro. Se un cronista mette un piede nell’orticello, o semplicemente racconta quel che accade lì intorno, deve vedersela con il proprietario. Di fronte a queste teorie ogni regola del giornalismo e ogni teorizzazione della legalità diventa opinabile, relativa, evanescente. “Ma chi si crede di essere? Che cosa crede di poter fare? Non lo dicono apertamente. Ma io questa frase – dice Rosaria – gliela leggo in faccia al politico di turno che mi guarda con un sorrisetto di sufficienza. A me, lo so, riserva un sorrisetto più ironico perché sono donna. Lo intuisco. Ho impiegato un anno per fare capire la differenza che passa fra il loro addetto stampa e il corrispondente locale. Qui c’è più o meno, la stessa differenza che passa tra un portamicrofono e un giornalista. Alla fine, quando l’hanno capito, per loro sono diventata la corrispondente-donna-stronza-senza- arte-né-parte che non si fa i fatti suoi”. In questo contesto culturale e in questa percezione del lavoro del cronista locale è da ricondurre il motivo dell’intimidazione subita da Rosaria. “Ma devo davvero fare questo, per 5,20 euro a pezzo e per una città che mi ritiene fastidiosa?” Rosaria se lo chiede, e la sua risposta, è sempre questa: “Il valore di quel che fai non risiede nel compenso che ricevi”. E qual è il valore di quel che fai, Rosaria? “Io seguo consigli comunali anche di dodici ore, quando faccio un pezzo, per garantire la pluralità, faccio sempre diverse telefonate. Se c’è una determina, un bando, un documento importante per i cittadini, io lo studio. Il mio lavoro ha degli aspetti noiosi e pesanti, ma io li affronto volentieri, perché mi piace restituire poi con leggerezza il succo dell’informazione ai cittadini. Io sono il tramite tra i miei lettori e la notizia. Se la notizia è diluita in un barboso documento di decine di pagine, io lo leggo e interpreto l’interesse che il contenuto di quel documento può avere per la città. Il mio è un lavoro di servizio, almeno questo è lo spirito in cui lo faccio, è mi aspetterei che fosse riconosciuto il suo valore. Senza quello che faccio, i cittadini non sarebbero in condizione di sapere tante cose”. Resta il fatto dei 5,20 euro di compenso. “La sperequazione tra il mio compenso ed i poteri che miei pezzi possono potenzialmente intaccare (ad esempio quando scrivo di un parco eolico da 100 milioni) è enorme. Un compenso così ridicolo è quasi una forma di delegittimazione. Mi piacerebbe che la Gazzetta lo capisse. Dovrebbe riconoscere che i cronisti sono l’asse portante del giornale, il vero collante tra la testata e i cittadini”. Rosaria non ha dubbi: “Voglio fare la cronista, non mollo. Mi basta sapere di far parte di una rete di persone che la pensano come me. Che per loro, come per me, il nostro mestiere è un servizio, inestimabile”. Sì, we insist. (OSSIGENO) http://www.ossigenoinformazione.it/wp-content/2011/11/111121_malcangi_by_marilu.pdf

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!