Un collasso nel sonno. Coppia di anziani salvata in extremis

Melendugno. Il malore è stato probabilmente determinato da un guasto nell’impianto di riscaldamento

MELENDUGNO – Giacevano privi di sensi nel proprio letto matrimoniale a causa del malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento Soltanto il tempestivo intervento dei carabinieri ha salvato loro la vita. Due anziani coniugi di Melendugno, 83 anni lui e 84 anni lei, erano già in stato di incoscienza, ad un passo dalla morte. Colpa di un collasso, sopraggiunto a causa del cattivo funzionamento dell’impianto di riscaldamento. I due anziani coniugi come di consueto erano andati a letto la sera prima per riposare e, anche a causa del freddo, avevano azionato l’impianto di riscaldamento. Un guasto, probabilmente al termostato, ha fatto sì che la temperatura salisse ben oltre il livello di guardia divenendo insopportabile, sino a farli svenire nel sonno. E’ stata la figlia che vive a Grosseto, preoccupata da una telefonata in prima mattina in cui l’anziano padre riferiva di sentirsi molto male, ad allertare i carabinieri, pregandoli di fare presto. I militari sono entrati all’interno dell’abitazione, sfondando l’avvolgibile e mandando in frantumi il vetro della porta finestra ed hanno subito chiamato i soccorsi ed il medico. Che, una volta sul posto, visitati gli anziani coniugi ha riferito che sarebbero bastati solo pochi minuti ancora per avere un epilogo assai più tragico, fortunatamente evitato grazie alla rapidità dell’intervento. Un militare, ferito alla mano dalle schegge del vetro, è stato medicato senza riportare ulteriori conseguenze.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!