Ubriacata e violentata a 16 anni

Lecce. La denuncia di una studentessa di Brindisi: due amici avrebbero abusato di lei nei bagni della stazione

LECCE – Marinare la scuola e concedersi una passeggiata tra le vie del centro di Lecce. Niente di più. Questi erano i programmi di una studentessa 16enne originaria di Brindisi che ieri mattina con due suoi amici, invece di varcare il cancello della scuola, ha preso il treno per raggiungere il capoluogo salentino. Un’innocua bravata che ha avuto, però, dei risvolti tragici ed inaspettati. Perché attorno alle 14:30 dei viaggiatori l’hanno trovata in stato di shock ed in lacrime nei pressi della stazione ferroviaria di Lecce ed hanno subito allertato polizia e 118. La 16enne è stata così soccorsa e condotta in ambulanza presso il Pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce dove, agli agenti di polizia in servizio, ha raccontato di essere stata spinta a bere qualcosa e poi, in stato di confusione, violentata nei bagni della stazione. Proprio da quei due amici con i quali aveva condiviso la “gita”, un minorenne ed uno appena 18enne. La indagini avrebbero già portato all’identificazione dei responsabili che ora potrebbero essere iscritti nel registro degli indagati per violenza sessuale. Il referto del medico avrebbe infatti confermato le violenze.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!