Mafia. La Puglia accede al Fondo solidarietà

Per le vittime dei reati del crimine organizzato, la possibilità di ottenere un risarcimento dei danni. Dalla regione, nel 2010, 22 richieste inoltrate

Sono state 538, nel 2010, le istanze di accesso pervenute, tramite le Prefetture, al Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso. Il Fondo, che indennizza coloro che, nei processi, si costituiscono parte civile nei confronti degli autori di reati di mafia, è alimentato da un contributo annuale dello Stato, da somme derivanti dalla vendita dei beni confiscati alle organizzazioni criminali, da una quota definita annualmente con decreto del Ministro dell’Interno, dal contributo devoluto al Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura sui premi assicurativi. La quasi totalità delle richieste (513) ha riguardato le aree maggiormente interessate dai fenomeni criminali. Dalla Puglia, le istanze arrivate sono state 22 (4% del totale), 18 dalla Calabria (3%), 46 dalla Campania (9%), 427 dalla Sicilia (zona da cui proviene il 79% delle richieste) e 25 dalle altre regioni, da cui giunge il restante 5%. Rispetto al 2009, il numero delle istanze inoltrate nel 2010, è cresciuto per la Puglia (+7), per la Sicilia (+38, ovvero un incremento del 9,8% rispetto all’anno precedente) e per la Calabria (+1). In calo, invece, la quantità di domande presentate dalla Campania (-28 che indica un decremento del 37,8% rispetto al 2009) e la cifra complessiva riguardante le restanti regioni (-11). Le domande, giunte all’ufficio competente, sono state prevalentemente presentate da privati (62%) mentre quelle prodotte dai Comuni e dalle associazioni hanno rappresentato il 38% del totale. Lo rivela la relazione 2010 sulle attività del Comitato di Solidarietà, l'organismo che esamina e delibera l'accesso al Fondo per coloro che ne hanno diritto (legge 512-1999). Il Comitato, presieduto dal Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso, è composto, ai sensi dell'articolo 3 della legge citata, da rappresentanti del Ministero dell´Interno, della Giustizia, dello Sviluppo Economico, dell’Economia e delle Finanze, del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, nonché da un rappresentante, senza diritto di voto, della Concessionaria di servizi assicurativi pubblici (Consap), a cui è affidata la gestione economica del Fondo che, all’inizio del 2010 presentava una liquidità di 17.844.383,00 di euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!