Rifiuti di ogni tipo sulla SP 363

Maglie. Un cittadino di Ortelle, Maurizio Caputo, nei giorni scorsi ha segnalato il pericolo alle forze dell’ordine

MAGLIE – Lattine di olio per auto e batterie di fuochi d'artificio appena fatti esplodere. Oltre a copertoni, materassi, buste e cartoni, ce n'è per tutti i gusti. Siamo sulla strada provinciale 363 che collega Maglie a Poggiardo e Santa Cesarea, e in uno spiazzo all'altezza di Muro Leccese emerge uno scenario da far accapponare la pelle. A segnalare la nuova discarica a cielo aperto è un cittadino di Ortelle, Maurizio Caputo, che nei giorni scorsi ha informato del fatto le forze dell'ordine. “Mi ero appena fermato su questa piazzola di sosta vicino a Muro – racconta -, quando ho scorto rovesciati sull’asfalto diversi contenitori pieni di olio per motore, ritenuto dalla normativa come ‘rifiuto pericoloso’ nonché una vera e propria bomba ecologica se abbandonato così come è stato fatto, a due metri dalla provinciale. Notando il rischio, li ho allontanati dal manto stradale. Mi chiedo: e se quell'olio dovesse finire sulla strada e provocare un incendio o incidenti? Perché nessuno interviene”? Caputo riferisce di aver già allertato i carabinieri, ma non c’è stato ancora un lavoro di bonifica degli enti competenti. “Parliamo tanto di turismo, poi si scopre una discarica pericolosissima davanti ad un uliveto con ‘pajara’ e muretti a secco”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!