Il Casarano si sbarazza della Viribus

La Virtus vince e convince nel secondo impegno casalingo di fila. In classifica le “Serpi” agganciato il Brindisi di Boccolini

Basta un gol per tempo al Casarano di un Villa in grande spolvero ad archiviare la pratica Viribus Unitis e servire il bis di vittorie casainghe dopo il successo sul Fortis Trani. L’eccellente prestazione dei rossazzurri è figlia di una gara giocata su ritmi elevati condita da un gioco a tratti spettacolare che ha entusiasmato il pubblico del “Giuseppe Capozza”. Le reti portano la firma di Alberto Villa e Marian Gaelden, con il primo autore di una prova da incorniciare impreziosita da due pali colpiti e giocate di alto livello. Mister Caracciolo lancia dal primo minuto Alessandrì complice l’inatteso forfait di Zaminga e recupera De Giorgi e Aragao. Il Casarano parte in quarta e al 9° minuto Lanotte viene steso in area; per il signor Riccardi di Novara è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta capitan Villa che spiazza Veneziano e porta in vantaggio i suoi. La gara è un monologo rossazzurro e dopo i legni centrati dal Villa direttamente da calcio di punizione, al terzo minuto della ripresa arriva il gol di Gaelden con una conclusione dai venti metriche beffa l’estremo difensore ospite e chiude la partita. Inanellate le due vittorie consecutive le “Serpi” balzano a 15 punti in classifica e agganciano il Brindisi al settimo posto sconfitto in casa dal Nardò di mister Longo. In attesa dell’ostico test di Ischia, match il quale svelerà le reali dimensioni della compagine di Caracciolo, la Virtus si gode i gol di un attacco ritrovato e le trame di un gioco che iniziano a soddisfare le aspettative di tutto l’ambiente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!