Scippano un’anziana. In manette

Salice Salentino. Napoletano e Giordano sono stati individuati grazie ad un passante che ha riferito parte della targa del Fiorino su cui viaggiavano

SALICE SALENTINO – Poco dopo le 20 di ieri una pensionata 62enne di Salice Salentino è stata derubata della sua borsa, in pieno centro. La donna stava uscendo dall’abitazione di amici per fare rientro a casa, quando un giovane le si è posto davanti, impadronendosi della borsa contenente poco più di 72 euro e di effetti personali; poi il delinquente si è allontanato con calma, salendo un furgone parcheggiato poco distante e dileguandosi. Per la donna, solo tanto spavento. Non hanno fatto molta strada Roberto Napoletano (venticinquenne pastore di Squnzano, precedenti per rissa, furto, delitti in materia di armi e contro la persona) e il suo complice Nicolas Giordano (classe 1991, da Trepuzzi), individuati nel giro di un paio d’ore e rei confessi dell’aggressione.

Roberto Napoletano

Roberto Napoletano

Nicolas Giordano

Nicolas Giordano Qualcuno aveva infatti visto l’accaduto e osservato il furgone (un Fiat “Fiorino” bianco), riferendo alla pattuglia della Stazione di Salice Salentino il contenuto di una parte della targa. Una rapida serie di accertamenti ed è venuto fuori il nome dell’intestatario del mezzo, appunto il Napoletano, personaggio ben noto ai militari anche della Stazione di carabinieri di Squinzano. E proprio loro, allertati dai colleghi di Salice Salentino, hanno intercettato il “Fiorino” mentre si aggirava per le strade di Squinzano, con a bordo i due giovani. Fermati e controllati, i due sono stati immediatamente ricondotti a Salice, dove anche il mezzo è stato perquisito. E proprio nell’abitacolo è stato rinvenuto un libretto di lavoro intestato alla vittima dello scippo: davanti a quella scoperta, i due non hanno potuto far altro che confessare, restituendo i 72 euro sottratti e indicando il luogo di Squinzano in cui avevano gettato via altri effetti personali, poi recuperati e restituiti. Per i due sono scattate le manette, arrestati in flagranza di reato per furto con strappo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!