Un fragoroso ronzio per salvare le api

Lecce. Anche nel Salento gli apicoltori scenderanno in piazza per chiedere di bandire i pesticidi che uccidono i preziosi insetti

LECCE – Dalle ore 11 si incontreranno in piazza S. Oronzo per ronzare. Non è uno scherzo ed anzi la motivazione è anche piuttosto seria. A Lecce come nel resto d’Italia, gli apicoltori daranno vita ad un gigantesco ronzio globale per chiedere che tutti i prodotti chimici pericolosi utilizzati in agricoltura vengano banditi. Nel 2008, in Italia, i neonicotinoidi, usati per la concia dei semi di mais hanno ucciso la metà delle api e solo in seguito alla sospensione dell’uso di questi veleni, decretata dal Ministero della Sanità, questi insetti sono tornati. Da allora, ogni anno, gli apicoltori aspettano il rinnovo del decreto, da cui dipende la vita delle api. In questi anni le ricerche effettuate hanno confermato la stretta connessione fra queste sostanze e la moria delle api, ma una decisione definitiva non è ancora stata presa, mentre le industrie chimiche stanno facendo pesanti pressioni per mantenere i pesticidi sul mercato. Il 31 ottobre scade il decreto sospensivo e gli apicoltori chiedono un pronunciamento definitivo: bandire l’uso di sostanze chimiche per salvare le api.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!