Inaugurazione innovativo centro medico a Squinzano

Squinzano. Nel Centro operano stabilmente strutture di diagnostica, analisi, riabilitazione e sono presenti tutte le principali branche specialistiche

Sarà ufficialmente inaugurato oggi il CENTRO MEDEX – MEDICINA D’ECCELLENZA con sede a Squinzano in via Campi 170. Alla presenza di numerose autorità, sarà possibile visitare in anteprima la struttura, ricavata da un antico opificio restaurato e restituito alla città in una veste del tutto nuova in cui convivono archeologia industriale, il più elegante design made in Italy e il più severo rispetto delle normative di sicurezza ed efficienza necessarie per far funzionare al meglio una complessa struttura sanitaria. “Centro Medex – medicina d’eccellenza” è un modo nuovo di fare Sanità in Puglia. Servizi sanitari all’avanguardia per la diagnosi, analisi, cura e riabilitazione; ampi e confortevoli ambulatori per le visite specialistiche, una sala per l'endoscopia, due ambulatori chirurgici, e le più avanzate tecnologie per la diagnostica sono al servizio di un gruppo di medici di altissimo livello. La novità del “Centro Medex – medicina d’eccellenza” consiste nell’offrire, in un’unica struttura, tutte le principali branche specialistiche, rappresentate da medici provenienti dai centri di ricerca e dalle Università più all’avanguardia in Italia e in Europa. Nel Centro operano stabilmente strutture di diagnostica, analisi, riabilitazione il cui nome da decenni è sinonimo di standard qualitativi di livello europeo: – lo Studio radiologico dei dottori Giorgio, Piero e Luca Quarta Colosso; – il Laboratorio analisi chimico fisiche dei dottori Domenico Di Pierro e Emma Morelli; – il centro di riabilitazione e medicina sportiva del dottor Giuseppe Palaia; – il centro di ricerca ARD Research Lab della dottoressa Raffaella Ciociola, per l’esecuzione della Gait analysis, cioè l’analisi computerizzata del movimento atletico. Questa qualificata equipe medica vuole essere, e certamente sarà, la consacrazione di una medicina di confronto e cooperazione, per garantire diagnosi di certezza e terapie efficaci, e riconoscere al paziente la centralità che merita nel sistema sanitario.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment