Rifiuti speciali abbandonati. Sequestrata area di 70mila metri

Manduria. Il sequestro preventivo è stato effettuato dal Noe di Lecce per un valore di 200mila euro

MANDURIA – Rifiuti speciali non pericolosi depositati senza alcuna autorizzazione in un’area di 70mila metri quadrati. La segnalazione è arrivata da alcuni cittadini residenti nei paraggi della discarica, in contrada Scapolata a Manduria (Taranto), che hanno allertato il 112. E così stamattina l’area è stata sottoposta a sequestro preventivo dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce coadiuvati dai colleghi della Compagnia locale. Varie le tipologie di materiale stoccato senza controllo: plastica, vetro, frammenti in legno di varie dimensioni, terriccio e fanghi di depurazione, tutti provenienti dal ciclo di produzione di un impianto di compostaggio, ubicato nelle vicinanze del terreno agricolo sequestrato. Secondo il Noe quei rifiuti non potevano essere cosparsi sul terreno agricolo ma dovevano, al termine di ulteriori cicli di lavorazione, essere conferiti in discariche autorizzate.

Manduria. La discarica sequestrata dal Noe

Al termine del controllo ambientale, i proprietari del terreno e l'amministratore della società produttrice di compost sono stati segnalati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Taranto; le ipotesi di reato contestate sono gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi ed esercizio di discarica abusiva. Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è di circa 200mila euro. Mentre le indagini del Noe e della Compagnia carabinieri di Manduria proseguono, tutte le autorità amministrative sono state informate del sequestro per i provvedimenti di competenza.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!