Disabili. Il ministero: parcheggio gratis sulle strisce blu

Giovanni D’Agata invita i sindaci ad adeguarsi all’indicazione ministeriale

Secondo il Ministero dei Trasporti il veicolo al servizio di disabili muniti dell'apposito contrassegno arancione può sostare gratuitamente nelle aree a pagamento, qualora il Comune lo consenta nella sua discrezionalità amministrativa. Lo rende noto Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, che invita tutti i sindaci e le amministrazioni comunali del territorio nazionale ad adeguarsi alla “proposta” del Ministero informando i propri concittadini della propria volontà di essere più permissivi per quella che apparirebbe come un’importante iniziativa di civiltà. Una buona notizia che amplificherebbe le tutele nei confronti dei portatori di handicap se le amministrazioni comunali dimostrassero maggiore sensibilità. Secondo il parere del Ministero dei trasporti protocollo numero 4699 del 19 settembre 2011, infatti, il veicolo al servizio di disabili muniti dell'apposito contrassegno arancione può sostare gratuitamente nelle aree a pagamento, qualora il Comune lo consenta nella sua discrezionalità amministrativa. La comunicazione di D’Agata giunge all’indomani della pubblicazione, sul nostro portale, della lettera di una disabile alle prese con le difficoltà a parcheggiare gratuitamente nel proprio Comune, San Giorgio a Cremano. Articolo correlato: Strisce gialle e strisce blu. ‘Istituzioni insensibili alla disabilità'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!