Piano coste, la spiaggia (libera) c’è ma non si vede

Bari. 5000 pagine per stabilire quale litorale tutelare

Finalmente è stato approvato il Piano coste regionale. Necessario per recepire una legge del 2006, in mancanza del quale nelle pieghe dei cavilli della burocrazia, i Comuni hanno continuato a rilasciare permessi per la costruzione di stabilimenti balneari. Grazie al Piano coste abbiamo scoperto di avere più costa di quello che pensavamo: ben 976 kilometri. Adesso, visto che lo spazio c’è ma non ce ne eravamo accorti, possiamo farne altri.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!