Piano coste, la spiaggia (libera) c’è ma non si vede

Bari. 5000 pagine per stabilire quale litorale tutelare

Finalmente è stato approvato il Piano coste regionale. Necessario per recepire una legge del 2006, in mancanza del quale nelle pieghe dei cavilli della burocrazia, i Comuni hanno continuato a rilasciare permessi per la costruzione di stabilimenti balneari. Grazie al Piano coste abbiamo scoperto di avere più costa di quello che pensavamo: ben 976 kilometri. Adesso, visto che lo spazio c’è ma non ce ne eravamo accorti, possiamo farne altri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment