In piazza, c’è la festa del Fai

Tricase. Visite guidate per celebrare i luoghi del parco Otranto-Leuca

TRICASE – Visite guidate, iniziative per tutte le età, musica, arte e antichi mestieri per celebrare i luoghi del Parco Otranto-Leuca grazie alla campagna nazionale di raccolta fondi “Ricordati di salvare l’Italia”. Oggi a Tricase sarà “Festa alla Piazza”, grazie ad un’iniziativa del Fai Lecce che ha scelgo piazza Pisanelli come suggestiva cornice per momenti di cultura e consapevolezza. Durante la giornata sarà allestito uno stand dedicato al Parco Naturale Regionale “Costa Otranto Santa Maria di Leuca, bosco di Tricase”, a cui si affiancheranno esposizioni che richiamano gli antichi mestieri: così si potrà assistere alla lavorazione della pietra leccese ed ammirare la contorsione artistica del legno d’ulivo che diventa elemento d’arredo; i cestai daranno mostra della loro arte, mentre con i ceramisti sarà di scena l’evocativa creazione della materia dalla terracotta; non mancheranno poi gli accenni all’antica vita domestica grazie alle ricamatrici e alle massaie, intente alla lavorazione della pasta fatta a casa. E poi vini locali. Si comincia alle ore 9 con una Caccia al tesoro: 10 squadre di alunni del primo istituto Comprensivo tricasino, supportati dagli alunni del Professionale Don Tonino Bello, si lanceranno in un'avventura tra i vicoli ricchi di storia. A mezzogiorno note nelle Scuderie di Palazzo Gallone con il Concerto della Banda degli alunni del Primo Istituto Comprensivo di Tricase. Alle 16 costumi e tradizioni per le vie del borgo grazie all’evocativa sfilata storica dell’associazione Ippica “Sud Salento”. Mentre all’interno della chiesa di san Domenico saranno svelati, in una conferenza del professor Giuseppe Costantini, i segreti del restauro dell’antico coro ligneo dell’edificio. Alla fine spazio al teatro con la storia della città di Tricase tra fantasia e storia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!