Francesco Refolo: Forse ho dato fastidio ad un concorrente

Casarano. La vittima del gesto intimidatorio espone le sue ipotesi

«Non ho mai ricevuto minacce, né tanto meno richieste di natura estorsiva. Mai». Francesco Refolo, la vittima del gesto intimidatorio di giovedì scorso, in via Leonardo Da Vinci, ribadisce ciò che ha detto ai carabinieri subito dopo il grave episodio, anche se qualche ipotesi sul movente non la esclude. «Come me lo spiego? Potrei azzardare due ipotesi – risponde l’imprenditore – la prima può essere legata alla mia attività di ristoratore, forse perché abbiamo dato fastidio a qualche concorrente». Refolo, infatti, da quattro anni è titolare di una struttura ricettiva ad Alessano con annesso ristorante. «La seconda ipotesi – prosegue l’imprenditore – potrebbe essere un gesto, ben oltre l’ordinario, di un nemico personale forse dettato dall’invidia. Però, lo ribadisco: io e la mia famiglia non abbiamo mai avuto problemi con nessuno. Non ci siamo mai messi a livello di questa gente inqualificabile». Sulle clamorose analogie con l’attentato dell’8 ottobre (stesso esplosivo, stesse modalità di esecuzione, stesso modello di auto, stessa zona, la vittima operatore della ristorazione), l’imprenditore sostiene di non averci pensato, però esclude qualsiasi collegamento. «Non so dire se si è trattato di un errore – è la sua risposta – la vittima del primo attentato non la conosco, non so nemmeno come si chiama. Se ha subito danni a causa mia, mi dispiace e mi scuso, anche se la responsabilità di ciò che gli è accaduto non può essere addossata a me». Refolo, 33 anni (e non 40 come hanno scritto i giornali), è una persona seria di particolari valori morali. E’ imprenditore praticamente da quando era in fasce: divenne famoso quando, appena diciottenne, il padre gli affidò la gestione della sua fabbrica di calzature. Il giovane ci tiene a dire che, dopo l’atto intimidatorio, ha ricevuto numerosi attestati di stima e di solidarietà da parte di tanta gente. «La mia è stata da sempre una famiglia di lavoratori – conclude l’imprenditore – dapprima nel settore calzaturiero poi, dopo la crisi del Tac, abbiamo investito nel turismo».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!