‘No profit’ solo sulla carta. Evasione da 5 milioni

Otranto. Segnalati anche 54 dipendenti in nero, 27 dei quali illecitamente inquadrati come “lavoratori a progetto”

OTRANTO – Ufficialmente era a capo di un’associazione no-profit. Di fatto esercitava un’attività commerciale a tutti gli effetti. I finanzieri della Compagnia di Otranto hanno appurato un’evasione fiscale di circa 5 milioni di euro. In particolare, secondo la ricostruzione delle Fiamme Gialle, pur avendo pre-sentato le necessarie dichiarazioni dei redditi, il rappresentante dell’associazione, qualificandosi come ente non lucrativo nonostante la sua effettiva natura, ha omesso di dichiarare maggiori ricavi ed ha indebitamente dedotto costi per circa 3 milioni di euro, applicando un’aliquota Iva ridotta rispetto a quella ordinaria e dunque ottenendo un ulteriore risparmio d’imposta per circa 1,7 milioni di euro. I finanzieri hanno così ricondotto l’ente ad una vera e propria società impu-tando a ciascun socio la propria quota di responsabilità per le obbligazioni assunte nei confronti del fisco. Inoltre, sono stati segnalati ai competenti uffici 54 lavoratori dipendenti in nero, 27 dei quali falsamente inquadrati come lavoratori a progetto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!