Area Sistema. Il Pdl elenca gli ‘sprechi’

Casarano. Secondo il centrodestra a causare lo stato di insolvenza del consorzio sarebbero stati l’ex sindaco Venuti e l’ex direttore generale Vitali

CASARANO – Su Area Sistema continua il botta e risposta tra l’ex sindaco Remigio Venuti e il Pdl. L’ultima conferenza stampa dell’esponente del Pd, effettuata insieme all’ex direttore generale della società consortile, Umberto Vitali, e alcuni componenti dell’ultimo CdA, è l’oggetto del comunicato stampa della sezione di Casarano del Pdl. Il partito di centro-destra, intanto, ricorda che l’attuale CdA del consorzio ha preso atto dello stato di insolvenza. Ma chi ha determinato tale situazione e come? Secondo il Pdl proprio Venuti e il suo ex direttore generale e per dimostrarlo fornisce “qualche dato indicativo”, ma anche per “evidenziare l’assoluto disordine ed arbitrio gestionale”. “Tra i dipendenti – rivela il Pdl – figura una giornalista con competenze nel campo della comunicazione e informazione (cosa c’entra con le finalità di Area Sistema?), assunta con determina del direttore generale a tempo determinato per tre anni dal 11/9/2009 al 10/9/2012 per 40 ore settimanali per complessivi 178.810 euro lordi”. I collaboratori di Area Sistema sarebbero una decina, “oltre ai dipendenti in house del Comune finalizzati ad attività concernenti i ‘tributi minori’ e ‘servizi di pulizia’, allocati sulle poste di bilancio di Area Sistema (forse per snellire il bilancio comunale)”. La nota riferisce, inoltre, che i consulenti del consorzio sarebbero “oltre 30, che vantano ad oggi crediti per circa 380mila euro”. “Lo stesso direttore generale – rivela la nota – nel solo periodo marzo 2008/giugno 2010 ha avuto contratti per 116.014,08 euro per parte dei quali ha prodotto tre decreti ingiuntivi ad Area Sistema per un totale di 69.480,48 euro. Il tutto spesso sorretto da atti di dubbia legittimità, con strani incarichi incrociati, con impegni di spesa spesso non preventivamente autorizzati dal CdA. Area Sistema è stata un autentico guazzabuglio gestionale – conclude la nota – un carrozzone politico ed amministrativo pensato e gestito dal governo di centrosinistra del Comune di Casarano: l’uno avviato alla bancarotta, l’altro al dissesto”. Articoli correlati: Area sistema a conti fatti Area sistema. I conti di Venuti

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!