Prodotti non sicuri. Sequestrati 261mila capi

Gallipoli. Nei guai è un negozio di abbigliamento gestito da un cittadino extracomunitario che ora rischia una multa da 516 e 25.823 euro

GALLIPOLI – Oltre 261.000 articoli, tra capi di abbigliamento, accessori ed articoli vari, sono stati sequestrati dai finanzieri della Compagnia di Gallipoli in quanto non in regola con la normativa sulla sicurezza del consumatore. Nel mirino delle Fiamme Gialle è finito un negozio di abbigliamento del Sud Salento, gestito da un cittadino extracomunitario, munito di regolare permesso di soggiorno, che è stato segnalato alla Camera di commercio di Lecce e rischia sanzioni amministrative da 516 fino a 25.823 euro. I prodotti sequestrati, risultati di pessima qualità, erano sprovvisti dei dati identificativi del produttore o dell’importatore, nonché dell’indicazione delle caratteristiche merceologiche. Secondo quanto emerso, sarebbero stati acquistati nell’hinterland napoletano ed avrebbero fruttato al titolare migliaia di euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment