E' tempo di prosa al Politeama

Lecce. Tra le novità della nuova stagione, gli incontri tra attori ed alunni delle scuole. Si parte il 29 ottobre con “Fiore di Cactus”

LECCE – Attori di prestigio ed un ricco cartellone. E' la stagione di prosa organizzata dal Teatro Politeama Greco. Un Cartellone ideato da Natale Barbone, produttore della Nautilus Pictures. E una interessate iniziativa: prima di ogni spettacolo ci sarà un incontro, nello splendido foyer del Teatro, tra gli attori e gli alunni delle scuole che aderiranno al progetto “Teatro-scuola”. Un cartellone di spessore in uno dei più bei teatri d'Italia, come ha detto Barbone, “un Cartellone di qualità e di grande valore culturale”. In scena anche i testi di Eduardo De Filippo, Raffaele Viviani, Woody Allen. Il patrocinio è di Comune e Provincia di Lecce e della Regione Puglia. “E’ un’ iniziativa, che accogliamo e sosteniamo – ha dichiarato la vicepresidente della Provincia e responsabile della Cultura, Simona Manca -; in un momento di poche risorse per le Istituzioni la sinergia con i privati è fondamentale per promuovere cultura e le tradizioni che hanno una ricca storia nel nostro territorio”. Si parte il 29 ottobre con Franco Castellana e Nathalie Caldonazzo in “Fiore di Cactus”. Il 19 novembre è la volta del musical “Vita d'artista” portato in scena da Claudio Tortora, promotore del premio Charlot, in omaggio al grande Charlie Chaplin. Il 3 dicembre arriva “La verità” con Massimo Dapporto. L’8 gennaio Giuliana De Sio con “La lampadina galleggiante”, un testo di Allen. Con la regia di Armando Pugliese il 19 gennaio andrà in scena “Napoli, chi resta e chi parte” con Sal Da Vinci. E poi il 15 marzo Carlo Giuffrè con “Questi fantasmi” di Eduardo De Filippo, per finire il 21 marzo, con “A che servono questi quattrini?” con Luigi De Filippo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!