Spaccio in villa. In arresto 22enne nigeriano

Lecce. Gli agenti delle Volanti l’hanno pedinato cogliendolo sul fatto

LECCE – Da alcuni giorni, prevenivano in Questura segnalazioni di una intensa attività di spaccio ad opera di cittadini stranieri nei confronti di giovani studenti presso la villa comunale. Pertanto, su disposizione del questore di Lecce Vincenzo Carella, gli agenti delle Volanti hanno iniziato a monitorare la zona. Nella mattinata di ieri, attorno alle ore 11.45, i militari hanno effettuato un sopralluogo in villa, individuando subito una “strana” attività attorno ad una panchina dove erano seduti tre cittadini extracomunitari – due ragazzi ed una ragazza. Così sono intervenuti bloccandoli, mentre due giovani – presunti “clienti” – che erano nei paraggi, sono scappati mimetizzandosi tra i presenti. La perquisizione personale ha permesso di rinvenire addosso ad Obi Chukwuka, 22enne nigeriano, una busta del tipo usato per la confezione di tabacchi, contenente cinque involucri in cellophane di colore bianco. In ogni involucro era contenuta della marijuana per una quantità complessiva di 10 grammi. Chukwuka non ha voluto indicare ai poliziotti il suo domicilio limitandosi a riferire di aver alloggiato, in estate, in località Boncuri a Nardò dove aveva lavorato come bracciante agricolo. L’arrestato è difeso, d’ufficio, dall’avvocato Francesco Maria De Giorgi del Foro di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment