Santa Cesarea entra in Dimmidove

Santa Cesarea. Il Comune salentino è il primo in Italia nel circuito di servizi turistici e di marketing

SANTA CESAREA – Santa Cesarea Terme è il primo Comune d’Italia ad aderire alla rete “Dimmidove”, circuito di servizi turistici e di marketing a disposizione di imprese, cittadini e turisti. A presentare l’altro giorno il pacchetto di novità è stato il sindaco Daniele Cretì insieme ai responsabili di “Dimmidove”, un marchio che si affianca a quello denominato “Adotta un Comune”, interamente finanziato con il metodo della sponsorizzazione, mettendo in relazione l’azienda-sponsor con l’Amministrazione comunale attraverso il sito internet www.dimmidove.it. Su quest’ultimo portale web, operatori turistici e cittadini possono iscriversi e partecipare gratuitamente ad una serie di servizi che comprendono un “Centro Commerciale e Culturale Cittadino”, un “Centro unico di prenotazione Alberghiera” per hotel, b&b, agriturismi, ostelli, affittacamere, alberghi diffusi; un “Circuito Italiano del Benessere”, il servizio “e-commerce”, negozio telematico, “Carovana-Bio” per la promozione specifica dei produttori biologici e tradizionali. E ancora un “Ufficio Commerciale”; “Ufficio incoming” per la promozione turistica e dell'accoglienza, “Call Center centralizzato” a disposizione delle imprese e dei cittadini del Comune, “Ufficio Comunicazione”, “dimmiClub”, cioè il Club degli utenti registrati che rilascia la dimmiCard ai richiedenti e cura il sistema delle premialità per gli utenti che utilizzano i servizi stessi; infine uno “Sportello del Consumatore”. “A disposizione delle tre comunità, tra cui Cerfignano e Vitigliano, l’amministrazione offre questo nuovo pacchetto di servizi, – ha detto il sindaco Cretì – convinti come siamo che per promuovere il territorio occorre professionalità ed un solido circuito di marketing che affianchi le aziende e tutti gli operatori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment