Tariffe aeree. Ancora un balzello, almeno per me inedito

I prezzi delle compagnie low-cost

Spesso le compagnie aeree low-cost fanno di tutto per “ingannare” il cliente e fargli sborsare denaro in più

In vista di un viaggio aereo in una località del Nord Italia e dopo una serie di opportune ricerche di mercato attraverso internet, mi sono determinato ad acquistare on line un biglietto di sola andata per due persone dalla compagnia low-cost Myair. Sennonché, nonostante le mie investigazioni miranti a cogliere il prezzo più conveniente, all’atto di perfezionare la transazione sono purtroppo inciampato in una novità nient’affatto piacevole. Difatti, in aggiunta al costo puro del passaggio e alle consuete addizionali e spese, sullo schermo del computer mi si è presentata una casella con il quesito “articoli da affidare al check-in”. Nella circostanza, risposta sì, due bagagli (peso massimo fissato kg. 18 per decollo), a 7,00 euro cadauno a tratta, risultato 14,00 euro sopra il previsto. Mica roba da ridere, una cifra del genere, nell’economia di un volo low cost, può scombussolare sostanzialmente la spesa complessiva prevista. Non sono a conoscenza di altre compagnie operanti su voli interni che applichino un aggravio per lo stivaggio del bagaglio entro i limiti di peso, per cui la novità che ho appena riscontrato presso Myair ha proprio il sapore di una “furbata” tirata fuori dal cilindro. Intanto, l’utente paga e, di questo passo, si rischia di arrivare a sostenere un onere supplementare anche per un semplice copricapo. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!