La Provincia di Lecce incontra Scarlino

Il Salento che cresce

Nell’ambito di una serie di iniziative denominate “la Provincia di Lecce incontra il Salento che cresce” il presidente Giovanni Pellegrino e l’assessore alla Programmazione economica Giovanna Capobianco, hanno incontrato ieri, i vertici della ditta Scarlino di Taurisano

Si conclude con la visita alla nota azienda alimentare questa prima fase che ha visto la Provincia di Lecce incontrare il Salento che cresce ascoltando le problematiche del mondo dell’impresa, in un’ottica di coinvolgimento e di reciproca collaborazione nel rispetto dei singoli ruoli e dei compiti istituzionali. Il Presidente Pellegrino e l’assessore Capobianco sono stati accompagnati in azienda dai proprietari Antonio e Attilio Scarlino, che hanno presentato l’impresa e il circuito di produzione. “La ditta, che si rivolge al mercato con una logica fortemente incentrata sul marchio e sull’interazione nazionale, ha presentato un interessante programma di espansione con notevoli investimenti e serie prospettive di nuovi posti di lavoro, dando un segnale evidente del Salento che cresce e contribuisce in maniera significativa all’innalzamento del PIL del territorio provinciale”, dichiara l’assessore alla Programmazione economica Giovanna Capobianco “Abbiamo apprezzato il circuito di produzione basato su di un sistema di controlli di qualità costante in itinere, in grado di garantire qualità e sicurezza del prodotto. Siamo veramente soddisfatti del confronto dove i programmi dell’azienda e dell’Ente territoriale hanno trovato numerosi punti di contatto. Sarà nostro impegno soddisfare le richieste di collaborazione avanzate dai titolari della ditta, contenendo i tempi burocratici in relazione ad opere di infrastrutture che vede la ditta Scarlino interessata all’aumento della competitività e all’abbattimento dei costi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!