Moving planet. Anche Lecce per il clima

Lecce. No ai combustibili fossili. Una giornata per gridarlo al mondo

LECCE – E’ il primo evento globale di mobilitazione per il clima organizzato via social network in contemporanea con le principali metropoli di tutti e cinque i continenti e in altre 168 città del mondo. Ed anche Lecce ha aderito. Per eliminare la dipendenza dai combustibili fossili. Per sconfiggerla sia simbolicamente, quando, oggi, migliaia andranno per le strade in bicicletta o a piedi, sia concretamente, stimolando un cambiamento negli stili di vita. L’infrastruttura globale di produzione di energia basata sui combustibili fossili è, secondo gli organizzatori dell’evento, una minaccia al futuro. “Obiettivo comune del nostro movimento è la trasformazione a un modello energetico sostenibile. Stanno inquinando i nostri oceani, le nostre terre, le nostre comunità, la nostra aria e i polmoni dei nostri figli; stanno corrompendo i nostri politici con più di 600 miliardi di sussidi mondiali; e, cosa molto preoccupante, se continuiamo a bruciare carbone e petrolio, il cambiamento climatico si trasformerà in una catastrofe climatica. Non possiamo attendere un minuto. Prendiamo questa giornata per dimostrare che il potere delle persone può superare quello dei combustibili fossili. Sappiamo che questo non può essere fatto in un giorno e che dobbiamo pensare profondamente a come comunicare in modo chiaro l’alternativa futura. Essere parte della soluzione, muovendosi a piedi o in bicicletta quel giorno, sarà un piccolo primo passo”. // Il programma delle giornata leccese Ore 17:00 Lecce, piazza Mazzini. Passeggiata ecologica fino al Parco Baden Powell (nei pressi dell’Hotel Zenith) Ore 19:00 Proiezione del film documentario “Home”. Sarà presente la Ciclofficina, un’area attrezzata per poter riparare il proprio mezzo in totale autonomia. “Home” è un documentario su ambiente e cambiamento climatico di Yann Arthus-Bertrand, prodotto da Luc Besson, diffuso contemporaneamente il 5 giugno 2009 nelle sale cinematografiche di 50 paesi, in concomitanza con la giornata mondiale dell'ambiente. La sua diffusione e proiezione è a titolo gratuito. Non è vincolato da diritti d’autore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment