Casa al mare e servizi. Abusivi

Leuca. Il proprietario aveva giù ricevuto obbligo di abbattimento dell’immobile per abusivismo. E invece di demolirlo, l’aveva ampliato

LEUCA – Un’abitazione di 68 metri quadrati, sufficienti per una dimora estiva a due passi dal mare. A fianco, altri vani in fase di realizzazione, da destinare a box doccia, lavanderia ed altri servizi, il tutto realizzato direttamente dallo stesso proprietario, un 50enne del luogo. Il tutto, in modo completamente abusivo. Dagli accertamenti eseguiti dalle Fiamme Gialle presso l’ufficio tecnico comunale del comune interessato, la questione è risultata più vecchia di quanto si credesse inizialmente. E’ emerso, infatti, che in passato, lo stesso proprietario aveva ricevuto, in relazione alla stessa abitazione, un provvedimento di demolizione, a seguito di una sentenza di condanna nell’anno 2000 per abusivismo edilizio, però senza mai ottemperare ai suoi obblighi L’immobile, invece di essere abbattuto, è stato ulteriormente rifinito ed ampliato dal proprietario, con l’aggiunta di nuovi manufatti tutto intorno. Ai finanzieri non è restato altro che informare l’Autorità Giudiziaria di quanto accaduto e procedere al sequestro penale delle opere abusive, denunciando il proprietario alla Procura della Repubblica di Lecce per violazione alle norme in materia edilizia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment