Nuovi spazi per l'industria creativa

Bari. Firmato protocollo d'intesa Regione, Arti e Fiera del Levante. Presenti Vendola e Fratoianni

La Regione Puglia promuove l'industria creativa contribuendo alla trasformazione della Fiera del Levante in uno spazio aperto permanentemente alla città, alla regione, al territorio. I padiglioni della Campionaria barese daranno casa ai tanti giovani che, sull'onda delle politiche regionali, hanno creato imprese orientate alla creatività, alla conoscenza, ai servizi e all'innovazione. Alcuni padiglioni della Fiera del Levante diventeranno sede di imprese con costi di mercato a condizioni agevolate. Ad illustrare gli step attuativi e a sottoscrivere il protocollo sono stati ieri il Presidente Nichi Vendola (ne riferiamo a parte), l'assessore regionale alle Politiche Giovanili, Nicola Fratoianni, il Direttore dell'Agenzia Regionale per la Tecnologia e I'Innovazione (Arti), Giuliana Trisorio Liuzzi, ed il Presidente dell'Ente autonomo Fiera del Levante, Gianfranco Viesti. “Con la firma del protocollo portiamo avanti una duplice impresa: quella di costruire esperienze di coworking, mettendo insieme giovani talenti, professionisti e costruendo laboratori di innovazione collocati, a condizioni vantaggiose, nella Fiera del Levante; contemporaneamente facciamo un'operazione di rigenerazione urbana perché vogliamo far vivere queste palazzine come una nuova cittadella della creatività abitata 365 giorni all'anno”. Così Nichi Vendola ha commentato la firma del protocollo d'intesa tra Regione Puglia, Arti e Fiera del Levante per lo sviluppo dell'imprenditorialità giovanile attraverso la valorizzazione del patrimonio sottoutilizzato della Fiera del Levante, che si è tenuta ieri nel Giardino del Padiglione istituzionale della Regione Puglia. “Cambia Bari, dunque – ha proseguito il presidente Vendola – e il protocollo è lo straordinario strumento attraverso il quale si chiude un cimitero e si apre un luogo vivo. Che cos'è oggi la Fiera del Levante? E' un luogo morto che improvvisamente per alcuni giorni l'anno si anima, spesso in maniera confusa, incapace di competere con i principali sistemi fieristici nazionali e internazionali. Rimini, Roma, Milano a Shangai si sono rinnovate da tanto tempo, mentre noi viviamo prigionieri in una cittadella che, al netto del suo straordinario fascino, non è minimamente adeguata a funzionare come sistema fieristico competitivo”. “Compiamo il primo passo verso il cambiamento” ha detto Nicola Fratoianni commentando il protocollo d'intesa tra la Regione Puglia, la Fiera del Levante, l'Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione, firmato oggi, sabato 17 settembre 2011, proprio per favorire lo sviluppo dell'imprenditorialità creativa giovanile attraverso la valorizzazione del patrimonio immobiliare sottoutilizzato della Fiera del Levante. “Costruiamo il futuro, e questo protocollo ne è un contributo. Le azioni – ha proseguito Nicola Fratoianni – avviano un processo riqualificazione che consentirà alla Fiera del Levante di “vivere” 365 giorni l'anno, creando allo stesso tempo condizioni più adeguate e favorevoli all'integrazione tra industrie culturali e creative, per produrre attraverso il confronto, contenuti professionali più differenziati e innovativi. L'obiettivo diventa trasformare il quartiere fieristico applicando gli stessi processi di riqualificazione attraverso i quali sono stata rinnovate molte città”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!