Viaggio lento lungo l’autostrada delle biciclette

Otranto-Leuca. Il nuovo appuntamento di “Salento nel parco” previsto per oggi. Percorsi “alternativi” con soste a base di friselle e formaggi

OTRANTO-LEUCA – Quasi 60 km di bellezze naturali, di panorami mozzafiato, a traffico controllato. L’occasione è “L’Autostrada delle biciclette“, in programma oggi nell’area protetta “Costa Otranto Leuca e Bosco di Tricase”, per godere da vicino ed in tutta calma del paesaggio salentino. L’iniziativa rientra nell’edizione 2011 di Salento nel Parco nell’area protetta “Costa Otranto Leuca e Bosco di Tricase”: percorsi “alternativi”, a piedi, in bicicletta o su calesse, organizzati dalle cooperative Ulisside e Terra Rossa per coinvolgere giovani e meno giovani alla scoperta della natura. Il suggestivo percorso da Otranto a Leuca sarà inframmezzato con soste di divulgazione ambientale e ghiotti punti degustazione, offerti da aziende ed agriturismi che costituiranno la Comunità del cibo del Parco. Ne sono previsti due uno presso l’insenatura “Acquaviva”, tra le 12.00 e le 14.00 con friselline, olio e miele; l’altro in località Torre san Emiliano, tra le 16.00 e le 18.00 con i formaggi dell’area otrantina. Un treno delle Ferrovie del Sud Est in partenza da Lecce alle ore 7.56 potrà portare fino a 15 biciclette a chi volesse raggiungere Gagliano e percorrere da Sud a Nord la litoranea per rimettersi in treno, sempre bici al seguito, ad Otranto alle ore 19.13 con un altro treno messo a disposizione dalle FSE con lo stesso carico massimo di bici. Un’occasione imperdibile per locali e turisti che vogliano scoprire l’anima autentica dei sapori e dei colori salentini. Tutto il programma e le informazioni per partecipare a questo e ad altri eventi sono scaricabili su www.parcootrantoleuca.it, sezione “Agenda del parco”. // “Passeggiate” di successo I passi iniziali dell’edizione 2011 di Salento nel Parco sono stati un vero successo. Si parte a traffico lento in bici, a piedi, sul calesse con un asinello al seguito; coinvolge giovani, anziani e bambini, adulti con sensibilità diverse, ma uniti in allegre carovane di residenti, turisti e visitatori di una delle più belle coste di Puglia. La cooperativa Ulisside e la cooperativa Terra Rossa hanno aperto la serie di appuntamenti che riempiranno la settimana di Salento nel Parco. La prima associazione, dedita principalmente all’escursionismo naturalistico, ha confermato il fascino della biciclettata coi muscoli, nella ormai storica Terramare: circa 50 km che chiudono un’area ricchissima di tematismi, a cavallo tra costa ed entroterra, attraversando tante stradine che solcano le campagne e i paesini centrali del parco, da Andrano a Santa Cesarea Terme. Terra Rossa dedita, invece, alle attività di inclusione ed integrazione sociale soprattutto attraverso il legame con la terra, l’agricoltura e la natura nel suo insieme. Quest’anno grande seguito per “Eh vengo anch’io”: l’iniziativa in cui varie età, ma anche abilità diverse, hanno seguito il passo lento dell’asino, per trovarsi insieme nel confronto e nella degustazione di prodotti tipici. La passeggiata rurale poi, ha rispolverato il fascino antico di uno dei più importanti siti del parco: l’unico biotopo delle vallonee a Tricase; qui i vetusti esemplari arborei raccontano storie e leggende che meritano di essere ascoltate in tutti i sensi, “con tutti i sensi”. Più di cento persone hanno aderito alle due iniziative.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment